Sali di Schüssler per artrosi

sali di schussler per artrosi
DOMANDA:
Buongiorno. Oltre all’artrosi della colonna Lombosacrale, Colonna Dorsale (toracica) e della colonna Cervicale ho delle alterazioni degenerative in fase edematoso e iperemia, che interessano i piatti somatici affrontati C3-C4,D8-D9,D10-D11, L3-L4, e L4-L5. Nel tratto compreso tra i metameri L1-L4 alterazioni discali sovramenzionate concorrono con quelle artrosiche intervertebrali posteriori a determinare la riduzione di ampiezza del canale vertebrale sino ai limiti inferiori della norma.
Più o meno è tutto. Volevo sapere se una cura con i Sali di Schüssler potrei avere giovamento. Inoltre sono sovrappeso e per evirare ulteriori dolori ai piedi e alle ginocchia dovrei anche dimagrire. Sono vegetariana. Grazie per il tempo che mi ha concesso nel leggermi. Sperando in una risposta. La ringrazio.Ps: Soffro spesso di polipi intestinali ed ernia iatale.
AM

RISPOSTA:

Buongiorno AM,

i Sali di Schüssler possono contribuire ad un giovamento, naturalmente non da soli, in quanto si tratta di integratori minerali e non di farmaci strettamente intesi. È inoltre importante precisare che nei casi in cui le patologie siano progredite sino a livelli importanti come quelli degenerativi è assolutamente necessario farsi accompagnare da medici esperti ed evitare il fai da te. Questo per avviare e monitorare processi di guarigione sotto un controllo costante e competente e per evitare il procrastinarsi di situazioni dolorose, spesso anche pericolose per la salute.

Le cosiddette medicine alternative e naturali, di cui i Sali di Schüssler fanno parte, possono essere un ottimo e valido e aiuto solo se affiancano la terapia medica idonea (là dove sia necessaria) e se sono usate con competenza, etica e serietà.

Il quadro che lei compone è un quadro generato prevalentemente da iperacidificazione. L’aumento di peso, i problemi di atrosi e i polipi hanno, secondo l’esperienza del dr. Schüssler, una matrice comune che è dovuta ad un accumulo di acidi nel corpo. Gli acidi sono di norma smaltiti dal nostro organismo attraverso i normali processi di eliminazione dei prodotti di scarto fisiologico. In alcune condizioni però questo non avviene a sufficienza e quindi il corpo non riuscendo a liberarsi delle scorie e degli acidi tende ad accumulare sostanze tossiche. Questo accumulo si manifesta ad esempio sotto forma di adipe, ma anche come vera e propria produzione ed immagazzinamento di sostanze che tendono ad intossicare l’organismo. Tutti i processi di accumulazione danno origine a squilibri: depositi in alcuni organi e carenze, dovute all’impossibilità di approvvigionamento dovuta ai depositi, in altre.

A seguito delle prime conseguenze dell’iperacidificazione (aumento di peso, artrosi e polipi) come in questo caso, si sono manifestati ulteriori patologie: complicazioni che hanno interessato pesantemente la colonna vertebrale in più modi, l’ernia iatale e la debolezza articolare.

Per verificare e monitorare i valori acido-basici del corpo è possibile acquistare delle cartine che rilevano il pH attraverso l’urina. Il pH del corpo umano oscilla tra 4,6 e 8.

Se dovesse rilevare un pH estremamente acido (inferiore a 4,6) potrebbe essere utile, con il supporto degli specialisti competenti riequilibrare attraverso alimentazione e sali tissutali questo squilibrio.

I Sali di Schüssler possono essere usati, in questo caso sia internamente sia esternamente. Ad essi però è necessario affiancare – oltre che le opportune terapie mediche mirate – un regime alimentare, ed uno stile di vita, idoneo a ridurre non solo il peso ma anche il livello di acidificazione del corpo.

Andiamo con ordine.

Per quanto riguarda i Sali di Schüssler:

Per uso interno, per aiutare il corpo a smaltire gli acidi, per contrastare l’iperacidificazione e aiutare a dimagrire sono di norma consigliati tre sali:

  • Natrium chloratum (n.8) il sale tissutale che aiuta a regolare il bilancio idrico e ad eliminare numerose sostanze tossiche dalle cellule
  • Natrium phosphoricum (n.9) il sale tissutale per eccellenza deputato allo smaltimento degli acidi e quello per eccellenza usato per attivare i processi di dimagrimento
  • Natrium sulfuricum (n.10) il sale tissutale utile in tutti i processi di eliminazione, aiuta portare verso l’esterno le sostanze tossiche e gli scarti liberati con Natrium chloratum e Natrium phosphoricum.

Per quanto riguarda invece l’artrosi, le sue successive complicazioni, ma anche le debolezze articolari alle ginocchia e ai piedi sono consigliati:

  • Calcium fluoratum (n.1) il sale tissutale che aiuta, insieme a Silicea a mantenere elastici i tessuti. regola la costituzione dello strato cartilagineo delle articolazioni
  • Calcium phosphoricum (n.2) favorisce la costituzione e la salute delle cellule ossee
  • Silicea (n.11) rafforza il tessuto connettivo delle ossa
  • oltre a Natrium chloratum (n.8) e Natrium phosphoricum (n.9)

Esternamente è possibile provare a usare le pomate dei Sali di Schüssler, che di norma vengono vendute singolarmente ma possono essere mischiate all’occorrenza per formare i composti utili.

In particolare per rafforzare le articolazioni miscelare all’occorrenza in parti uguali e applicare localmente con un gentile e prolungato massaggio circolare:

  • Calcium phosporicum (n.2)
  • Kalium chloratum (n.4)
  • Natrium chloratum (n.8)

Per rafforzare i dischi intervertebrali invece:

  • Calcium fluoratum (n.1)
  • Silicea (n.11)

Quando come in questo caso sono consigliati più di 3 sali tissutali contemporaneamente è utile suddividere la somministrazione nell’arco della giornata seguendo le indicazioni degli orari di maggior efficacia date dal dr. Schüssler.

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11
Calcium fl. Calcium ph. Ferrum ph. Kalium ch. Kalium ph. Kalium sul. Magnesium ph. Natrium ch. Natrium ph. Natrium sul. Silicea
7:00 x x x x x x
08:00 x x x x x x x x
9:00 x x x x x x x x
10:00 x x x x x x
11:00 x x x x x x
12:00 x x x x x
13:00 x x x x x x
14:00 x x x x x x
15:00 x x x x x x x x x
16:00 x x x x x x x
17:00 x x x x x x x
18:00 x x x x x
19:00 x x x x x x
20:00 x x x x x x
21:00 x x x x x x
22:00 x x x x x x
23:00 x x x x

In questo caso ad esempio:

Al mattino: Calcium fluoratum (n.1), Natrium phosphoricum (n.9) e Silicea (n.11)

Alle ore 15: Calcium phosphoricum (n.2), Natrium chloratum (n.8) e Natrium sulfuricum (n.10).

Per quanto riguarda dosi e periodo di somministrazione è indispensabile un consulto con uno specialista di sua fiducia.

Per quanto concerne invece l’alimentazione è utile privilegiare un regime alimentare idoneo. Non si tratta di adottare una dieta basico-alcalina, per la quale la comunità scientifica non ha ancora appurato sia utile a riequilibrare il pH corporeo, bensì, secondo numerosi studiosi e nutrizionisti costituisca una privazione di numerosi nutrienti essenziali al nostro organismo.

Quello che mi sento invece di suggerire, in attesa di rivolgersi ad un nutrizionista, è di adottare alcuni consigli che è ormai verificato che siano utili per aiutare il corpo a mantenersi sano:

  • tentare di ridurre le dosi
  • privilegiare verdura e frutta
  • limitare il consumo di carne, in particolare carne rossa
  • ridurre il consumo di cereali raffinati
  • eliminare lo zucchero bianco (saccarosio)

Là dove il quadro clinico lo consenta è utile al metabolismo ma anche all’umore (e le due sfere sono estremamente collegate), praticare una moderata attività fisica, che in questo caso non solleciti eccessivamente le articolazioni e il cuore, come ad esempio attività dolci in acqua e, qualora il medico lo avvalli, ginnastica dolce o piacevoli passeggiate.

I miei migliori auguri per una pronta guarigione.

Un saluto cordiale

Elisa Cerruti

Zenzero proprietà, benefici e valori nutrizionali

zenzero proprietà

Lo zenzero è conosciuto fin dall’antichità per le sue proprietà benefiche e i suoi usi terapeutici. Questo post ha l’obiettivo di fare il punto della situazione non solo sulle proprietà attribuite allo zenzero dall’etnomedicina, ma anche di comprendere quali di queste siano effettivamente dimostrate e accreditate dalla ricerca scientifica. Nel post compaiono anche un paio di ricette di tisane a base di zenzero.

Lo zenzero (Zingiber officinale Roscoe) è un’Angiosperma, o Magnoliophyta, appartenente alla famiglia delle Zingiberacee. Il suo rizoma, la radice dello zenzero comunemente chiamato zenzero, ha numerose proprietà e benefici e per questo motivo è largamente usato come spezia sia per uso alimentare sia in fitoterapia.

È una pianta erbacea perenne che ogni anno sviluppa fusti alti circa un metro, da cui si diramano foglie verdi lanceolate e fiori gialli. Lo zenzero è originario del sud della Cina, e si diffuse poi alle Isole delle Spezie (Molucche), in altre parti dell’Asia e successivamente verso l’Africa occidentale e nei Caraibi. Lo zenzero è stato esportato in Europa attraverso l’India nel I secolo d.C., a seguito del lucroso commercio delle spezie. L’India è oggi il più grande produttore di zenzero.

Caratteristiche dello zenzero

Lo zenzero è un rizoma che si sviluppa a “bracci”, presenta polpa di colore giallo pallido mentre la buccia, molto sottile, è di colore bianco-nocciola.

Esistono alcune varietà di zenzero, che sono distinguibili per l’aspetto e per qualità:

  • zenzero della Giamaica, di colore cuoio pallido, è ritenuto una delle migliori varietà
  • zenzero africano e indiano presenta buccia marrone scuro ed è considerato di qualità inferiore
zenzero proprietà
Zenzero africano
  • zenzero del Kenia, di tre varietà: a polpa bianca, gialla e rossa.

Zenzero proprietà della tradizione

Lo zenzero ha una consistenza soda, gusto pungente e piccante. Si trova in commercio in diverse forme:

  • zenzero fresco: le radici vengono vendute fresche e si conservano in frigorifero per diversi giorni
  • zenzero essiccato: intero o a fette, con o senza buccia, si presta meglio per decozioni e alcune ricette
  • polvere di zenzero: usata in cucina o in capsule fitoterapiche, conserva numerose proprietà dello zenzero
  • zenzero sciroppato: è zenzero pelato e affettato, cotto e conservato in sciroppo di glucosio
  • zenzero candito: è zenzero sciroppato fatto essiccare e cosparzo di zucchero, mantiene numerose proprietà dello zenzero, ma per la presenza di saccarosio è meno preferibile rispetto a quello fresco
  • zenzero in aceto: è lo zenzero che accompagna numerosi piatti giapponesi. Il rizoma è pelato e tagliato a fettine, quindi marinato nell’aceto.

Tradizionalmente allo zenzero sono riconosciute numerose proprietà e innumerevoli benefici per la salute.

Secondo la più antica trazione lo zenzero è impiegato per alleviare i sintomi dei disturbi gastrointestinali. Da tempi antichi è considerato un eccellente carminativo in quanto favorisce l’eliminazione dei gas che si sono accumulati nello stomaco (aerofagia) ed allevia i dolori da esso causati (coliche).

Zenzero proprietà per l’Ayurveda

Secondo la medicina ayurvedica lo zenzero è un gusto caldo e pungente capace di:

  • stimolare l’appetito e la digestione
  • calma le indigestioni
  • migliorare la circolazione
  • disperde i gas intestinali (zenzero secco)
  • allevia la stitichezza
  • diuretico (zenzero fresco)
  • allevia tosse e raffreddori (zenzero fresco)

Il rizoma fresco è maggiormente indicato per Vata, mentre la polvere secca è migliore per Kapha.

In Ayurveda l’uso dello zenzero è controindicato a chi soffre di malattie cardiache.

Zenzero proprietà medicinali accertate dalla ricerca scientifica

Lo zenzero rappresenta uno dei rimedi naturali maggiormente studiati dalla ricerca scientifica. Nel corso degli ultimi trent’anni si contano infatti centinaia di studi sullo zenzero.

La ricerca scientifica in questo periodo ha indagato numerose proprietà dello zenzero:

  • per dimagrire, per l’obesità e per il controllo del peso corporeo
  • per la nausea e il vomito
  • come afrodisiaco
  • per la gastrite e problemi allo stomaco
  • per il diabete
  • per il cancro e la chemioterapia
  • come analgesico e in caso di artrite
  • come antiossidante
  • in caso di raffreddore e influenza
  • come antimicrobico
  • come aggregatore piatrinico

È generalmente accettato che le molecole bioattive dello zenzero, quelle che lo rendono benefico, sono [CT126]:

  • 6-gingerolo
  • 6-shogaols

Gingerolo e shogaols mostrano una serie di attività biologiche, che vanno da quella antitumorale, antiossidante, antimicrobica, anti-infiammatoria e anti-allergica alle varie attività sul sistema nervoso centrale. Il gingerolo è l’elemento in grado, secondo numerose fonti,  di alleviare nausea, artrite e dolore. Gli shogaols sono biomarcatori importanti utilizzati per il controllo di qualità di molti prodotti contenenti zenzero. Nello studio [D5] sono disponibili numerose informazioni sulla biosintesi, sulla sintesi chimica, sulle attività farmacologiche e sulle relazioni di gingerolo e shogaols.

  • paradolo
  • zingerone
  • flavonoidi: i flavonoidi presentano un ampio spettro di proprietà farmacologiche, sono antimicrobici, antivirali, anti-infiammatori, anti-allergici, analgesici,anti-ossidanti e svolgono una funzione epatoprotettiva. [C237]
  • acido fenolico

Le ricerche scientifiche consultate per scrivere questo post sulle proprietà dello zenzero sono state citate nel testo usando codici alfa-numerici come ad esempio [CT126]. Questa codificazione è stata creata ed usata per i soli fini di questo post per ordinare e creare riferimenti rapidi agli articoli scientifici. È possibile scaricare il database completo della letteratura scientifica estratta da PubMed.

[sdfile url=”http://latterhumemiele.com/wp-content/uploads/2015/11/zenzero.xls” title=”Per scaricare gratuitamente il database completo della letteratura scientifica estratta da PubMed sullo zenzero compila la form qui sotto. Riceverai il link direttamente nella tua email. “]

Zenzero per dimagrire

Lo zenzero aiuta a perdere peso e dimagrire? Questa è una delle domande più frequenti riguardo alle proprietà dello zenzero.

La ricerca scientifica in questi anni ha raccolto in letteratura due tipologie di studi sulla relazione tra obesità e assunzione di zenzero:

  • gli studi in laboratorio sui ratti
  • gli studi clinici sugli esseri umani.

I risultati delle ricerche sin qui elaborate e pubblicate sono contrastanti.

Gli studi in laboratorio effettuati sui ratti in numerosi casi hanno dimostrato una relazione positiva tra l’assunzione di zenzero e il miglioramento dell’obesità.

I test clinici sugli esseri umani, invece, presentano una più alta incidenza di esiti nulli o non sufficienti a dimostrare una relazione tra diminuzione di peso e altri fattori collegati all’obesità e l’assunzione di zenzero. [ad esempio lo studio D6]

Tuttavia altri studi, in cui lo zenzero era usato non da solo ma insieme ad altri rimedi erboristici sotto forma di miscela, come ad esempio quello di Lopez et al. [D48] hanno riscontrato un’efficienza nel trattamento dell’obesità e della gestione del peso. In questo caso gli studiosi sostengono che questo sia dovuto all’interazione dei principi nutrienti delle differenti erbe.

Se state cercando un rimedio naturale per dimagrire usate lo zenzero non da solo ma unitamente ad altri rimedi, come ad esempio Citrus aurantium, aglio, caffeina, lampone chetone, che facevano parte del composto usato per lo studio [D48].

Zenzero e limone

Una credenza particolarmente diffusa è quella legata all’efficacia per dimagrire di un decotto o una preparazione a freddo di limone e zenzero. Non esistono prove scientifiche rispetto alla validità di questa ricetta, ma è molto gustosa ed ideale per i periodi freddi. Di seguito riporto le ricette. Prima tre avvertenze:

  1. perché le proprietà dello zenzero decotto siano estratte completamente è necessario usare tutto il rizoma: sia la buccia sia la polpa.
  2. lo zenzero deve essere tagliato a fettine sottili o in piccoli cubetti
  3. lo zenzero deve essere fatto sobbollire. Come per tutte le parti “legnose” usate in erboristeria l’estrazione dei principi attivi può avvenire solo mediante bollitura, non per infusione.

Tisana di zenzero e limone

 

zenzero e limone

La tisana di zenzero e limone è una deliziosa bevanda, ottima a Natale ma anche in tutto il periodo invernale. Conserva la maggior parte delle virtù dello zenzero e vi unisce le proprietà termogeniche e depurative del limone. Se preparata con zenzero e limone freschi è un regalo prezioso per i vostri ospiti, che ne rimarranno deliziati.

Si accompagna bene con i dolci tipici del Natale, dei quali esalta l’aroma, favorendo la digestione e migliorando il metabolismo della materia grassa.

Ingredienti

  • un pezzo di zenzero fresco grande circa come una noce
  • il succo di un limone
  • un litro d’acqua

Preparazione

Tagliare a fettine sottili lo zenzero e metterlo, insieme al litro d’acqua, in una pentola. Coprire con un coperchio e portare ad ebollizione. Lasciare sobbollire per circa 5 minuti. Spegnere il fuoco e lasciare riposare ancora per qualche minuto.

Prima di servire aggiungere il succo di limone. Potete decorare le tazze aggiungendo canditi naturali e servire accompagnando con una ulteriore fettina di limone per chi desidera “rinforzare” la tisana.

È consigliato non dolcificare la tisana di zenzero e limone, anche perché non ne ha davvero bisogno, ma per chi amasse i sapori più dolci può usare un cucchiaio di miele.

Zenzero in gravidanza

Lo zenzero è uno dei rimedi naturali più usati in gravidanza per ridurre nausea e vomito. L’80% delle donne in gravidanza afferma di soffrire o aver sofferto di nausea nei primi tre mesi di gravidanza. Talvolta si tratta di un malessere lieve, altre volte l’emesi si manifesta come una vera e propria patologia da tenere sotto controllo. La comunità medica di fronte a problemi di nausea e vomito in gravidanza, quando questa non si presenti invece come iperemesi,  tende a reagire in tre modi:

  • astenendosi dal prescrivere alcun tipo di rimedio. Molti ginecologi e ostetriche ritengono che si tratti di un malessere lieve, tale da non richiedere l’assunzione di alcun tipo di farmaco o rimedio, questo nel miglior interesse del feto.
  • prescrivendo, in casi specifici in cui la nausea o il vomito tendono ad essere particolarmente fastidiosi e invasivi per la normale routine, farmaci con blandi effetti anti emetici e anti nausea.
  • consigliando di provare lo zenzero, sotto forma di compresse di estratto o come tisane.

Lo zenzero pare dunque essere sempre più consigliato, e proprio per questo motivo è utile rispondere a due domande:

  1. lo zenzero è sicuro in gravidanza? Siamo certi che non provochi danni al feto o che non sia in grado di modificare il normale corso della gravidanza?
  2. lo zenzero è efficace contro nausea e vomito gravidiche? Assumere zenzero, e come, è davvero utile per ridurre questo malessere?

Lo zenzero in gravidanza è sicuro

Lo studio realizzato da Heitmann e pubblicato nel 2013 [G25] ha preso in esame una popolazione di oltre 65 mila donne ed ha definitivamente appurato che lo zenzero in gravidanza è totalmente sicuro sia per il bambino sia per la madre.

La ricerca ha infatti chiaramente dimostrato che l’utilizzo di zenzero durante la gravidanza:

  • non aumenta il rischio di malformazioni congenite,
  • non incrementa il rischio di nati morti
  • non causa morte / perinatale,
  • non predispone a nascite pretermine,
  • non contribuisce ad un basso peso alla nascita,
  • non è correlato ad un basso punteggio di Apgar.

Questo risultato è clinicamente importante per gli operatori sanitari che consigliano l’uso dello zenzero alle donne in gravidanza che soffrono di nausea e vomito in gravidanza.

Lo zenzero riduce nausea e vomito in gravidanza

Questa rappresenta una delle proprietà dello zenzero più studiate dalla ricerca scientifica e i cui risultati paiono non sempre convergere verso l’unanimità.

A fare chiarezza su questo punto è l’utile studio di Giacosa et al. [G5] pubblicato nel 2015, in cui i ricercatori si pongono una domanda molto semplice: nausea e vomito possono essere trattati con l’estratto di zenzero? I ricercatori non si limitano ai sintomi della gravidanza ma prendono in considerazione anche quelli indotti dal trattamento chemioterapico. Lo studio [G5] è una revisione sistematica della letteratura scientifica esistente, un lavoro estremamente utile di raccolta e recensione di tutte le ricerche e gli studi realizzati con metodologia scientifica accreditata effettuati sino ad ora: studi a doppio cieco, studi controllati con placebo e studi randomizzati.

I ricercatori hanno censito 511 studi condotti tra il 1990 e il 2010 tutti concernenti le proprietà dello zenzero come rimedio contro la nausea e il vomito in gravidanza e in chemioterapia.

Lo zenzero, che ha fama sin dall’antichità di essere un rimedio contro indigestione, nausea e vomito, accelera lo svuotamento gastrico e stimola le contrazioni peristaltiche circolari antrali gastriche, quelle che consentono lo svuotamento dello stomaco. Questi effetti sono dovuti principalmente alla presenza di gingerolo e shogaol e la loro attività sui recettori colinergici M e sui recettori serotoninergici 5-HT e 5-HT. I ricercatori evidenziano come vari studi in materia abbiano portato a risultati controversi, a causa dell’instabilità chimica degli estratti di zenzero e particolarmente del gingerolo, che sono sostanze facilmente ossidabili. La literature review presentata nello studio [G5] ha fornito una risposta chiara e molto utile, evidenziando la potenziale efficacia dello zenzero sulla prevenzione e il trattamento di nausea e vomito di varia origine, anche se, affermano i ricercatori prudenzialmente, sono necessari ulteriori studi controllati. Lo studio ha anche analizzato la quantità di zenzero e la forma di somministrazione scelta: in tutti gli studi le dosi testate si aggiravano intorno al grammo di estratto secco.

Giacosa e il suo gruppo di lavoro ipotizzano quindi un ruolo terapeutico per gli estratti di zenzero in caso di effetti collaterali, come alternativa ai farmaci tradizionali procinetici quali domperidone, levosulpiride o metoclopramide.

Per tornare alle nostre domande iniziali possiamo dunque affermare che:

  1. lo zenzero è sicuro in gravidanza
  2. assumere quotidianamente 1-1.5 grammi di estratto secco di zenzero è un utile rimedio naturale per alleviare le nausee e il vomito in gravidanza.

Zenzero afrodisiaco

La tradizione popolare attribuisce allo zenzero, tra le altre proprietà, anche quella di essere afrodisiaco. Si dice che questa sia una credenza antica e qualcuno ritiene addirittura che in alcune medicine primordiali fosse usato per incrementare le nascite.

Si dice che questa virtù derivi da un lato dal fatto che lo zenzero faciliti la circolazione sanguigna e dall’altro perché pare sia in grado di stimolare il desiderio.

Nonostante ricorra spesso l’associazione zenzero-afrodisiaco l’argomento è poco trattato sia in Ayurveda – in cui viene menzionato da taluni ma senza fonti di testi sanscriti e senza altre indicazioni – sia nella letteratura scientifica.

In attesa che nuove ricerche ci diano conferme vi suggerisco questo squisito decotto, che si dice sia afrodisiaco, e anche se non lo fosse è ricco di virtù benefiche e ha un sapore delizioso.

Tisana afrodisiaca con zenzero e cannella

  • zenzero fresco (Zingiber officinalis) un pezzo della dimensione di una noce piccola tagliato a pezzettini o fettine sottili
  • cannella bastoncini (Cinnamomum verum) un bastoncino lungo circa 3 cm sminuzzato a mano
  • pepe grani (Piper nigrum) 4 o 5 grani
  • eleuterococco radice (Eleuterococcus senticosus) un cucchiaio di radice essiccata in pezzi
  • (damiana foglie (Turnera diffusa) un cucchiaio di foglie secche)

Mettete in una pentola un litro d’acqua, zenzero, cannella, pepe ed eleuterococco. Coprite con un coperchio. Ponete sul fuoco, portate a bollore e lasciate sobbollire per circa 5 minuti. Passati i 5 minuti spegnete il fuoco e lasciate riposare. Appena spento il fuoco se desiderate aggiungete la damiana. Lasciate riposare per qualche minuto. Filtrate e bevete. Dolcificate se lo desiderate con un cucchiaio di miele.

Zenzero e cancro

Secondo l’OMS sono 14 milioni le persone malate di tumore nel mondo e di queste oltre 8 milioni muoiono ogni anno.

Nel 2014 l’Airc ha stimato che si registrino ogni anno oltre 350 mila nuove diagnosi in Italia. A parte il tumore della cute i tumori più frequenti in Italia sono:

  • il tumore colon retto CRC (14%)
  • il tumore alla mammella (13%)
  • il tumore alla prostata (11%)
  • il tumore al polmone (11%)

È un’evidenza che il tumore rappresenti una delle principali cause di morte nel mondo e nel nostro paese, con incidenza molto maggiore rispetto agli incidenti stradali, e inferiore solo alle malattie ischemiche del cuore, che sono la prima causa di morte in Italia e nel mondo.

Non è di secondaria importanza, dunque, capire se e come gli alimenti che assumiamo – siano considerati rimedi oppure siano essi semplici ingredienti di cucina – possano aiutare a contrastare l’insorgenza di patologie potenzialmente mortali come il cancro.

Nel corso degli anni la comunità scientifica ha rivolto grande e crescente attenzione allo zenzero proprio in questo senso. Tra gli altri aspetti indagati infatti i ricercatori si sono concentrati sulle proprietà anti tumorali dello zenzero.

In oltre vent’anni di studi e ricerche è stata dimostrata l’efficacia dello zenzero su numerosi tipi di tumore [AR1]:

  • leucemia
  • tumore alla mammella
  • tumore alla cervice
  • tumore alle ovaie
  • tumore alla pelle
  • tumore ai reni
  • tumore alla prostata
  • tumore al colon
  • tumore ai polmoni
  • tumore al pancreas
  • tumore al fegato
  • e molti altri

Tuttavia queste ricerche hanno per la maggior parte riguardato test in vitro mentre i test in vivo sono decisamente inferiori e andrebbero approfonditi.

Nonostante questo è ormai credenza comune attribuire allo zenzero proprietà antitumorali.

I risultati degli studi in vivo disponibili hanno evidenziato, tuttavia, come lo zenzero sia efficace su alcuni tipi di tumore e non su altri. Di seguito le evidenze scientifiche.

Zenzero e impatto su sviluppo ed evoluzione dei tumori gastrointestinali

Nel marzo del 2015 due ricercatori dell’MD Anderson Cancer Center della University of Texas, il dottor Sahdeo Prasad e il dottor Amit K. Tyagi, hanno realizzato un’analisi della letteratura scientifica esistente relativa all’efficacia dello zenzero nel trattamento dei tumori gastrointestinali [C20].

Come già ricordato le analisi della letteratura scientifica sono estremamente preziose perché consentono di fare il punto della situazione su tutte le ricerche conosciute rispetto ad un determinato argomento.

I tumori gastrointestinali (GI) sono  quelli che riguardano tutto l’apparato gastrico e quello intestinale di cui fanno parte anche i tumori al colon retto (CRC) prima causa di morte per tumore in Italia.

I ricercatori, analizzando e comparando tutti gli studi realizzati fino al 2015 in tema di tumori GI, hanno scoperto che  lo zenzero si è dimostrato efficace contro numerosi tumori gastrointestinali ed in particolare:

  • il cancro gastrico,
  • il cancro al pancreas,
  • il cancro al fegato,
  • il cancro del colon,
  • il colangiocarcinoma.

Il dato è estremamente positivo ed interessante. Tuttavia, nonostante questo primo aspetto, i due ricercatori dell’università texana hanno riscontrato come non siano ancora stati stabiliti gli effetti antitumorali su altri tumori gastrointestinali come quello duodenale, esofageo, anale, tumore carcinoide gastrointestinale e il cancro delle cellule delle isole pancreatiche.

Dunque, se non si può affermare con certezza scientifica che lo zenzero sia efficace  su tutti i tumori gastrointestinali, secondo gli autori è giustificato affermare l’efficacia dello zenzero e dei suoi principi attivi sul primo tipo di tumori elencati. È stato dimostrato, infatti, che lo zenzero e i suoi polifenoli hanno la capacità di svolgere la propria azione su più molecole di segnalazione, aspetto questo che costituisce il presupposto per considerare l’utilizzo dello zenzero contro le malattie umane cosiddette multifattoriali, ovvero quelle che sono portate da una molteplicità di fattori e per le quali usare principi attivi che agiscono su singole molecole di segnalazione sarebbe meno vantaggioso. [C20]

Zenzero e osteosarcoma

Lo zenzero non si è dimostrato efficace solo nel trattamento di alcuni tumori gastrointestinali.

La ricerca effettuata pubblicata nel 2015 dal dottor Fan e altri ricercatori [C34] ha voluto chiarire se e come lo zenzero fosse efficace nel trattamento dell’osteosarcoma.

I risultati, affermano i ricercatori, dimostrano sembra ombra di dubbio che lo il principio attivo 6-gingerolo è efficace nell’inibire la proliferazione delle cellule dell’osteosarcoma. In altre parole lo zenzero è capace di contribuire a fermare la crescita del tumore che colpisce le ossa.

Zenzero e chemioterapia

Sono circa 100 mila le persone sottoposte a chemioterapia ogni anno (dati ISTAT 2013). Tra gli effetti collaterali più diffusi in trattamento chemioterapico antitumorale ci sono, come è noto, la nausea e il vomito.

Numerosi sono stati gli studi condotti sullo zenzero per comprendere se e come i principi attivi dello zenzero fossero anche utili nel trattamento di nausea e vomito in chemioterapia. Oggi, grazie al già menzionato studio di Giacosa [G5] sappiamo che 1-1.5 grammi di estratto secco di zenzero sono in grado di alleviare la nausea e il vomito durante i trattamenti di chemioterapia antitumorale, oltre, nel casi di alcuni tumori, di contrastarne lo sviluppo o prevenirne l’insorgenza.

Voglio qui citare un ulteriore studio condotto non sull’assunzione orale, ma su un altro tipo di somministrazione dello zenzero, sempre legata alla chemioterapia. Nel 2015 il dottor Lua e altri  ricercatori hanno pubblicato uno studio [C13] sugli effetti dell’aromaterapia con olio essenziale di zenzero in caso di nausea e vomito in chemioterapia. Lo studio singolo cieco, con gruppo di controllo e randomizzato ha interessato 60 donne affette da tumore alla mammella, alle quali per 5 giorni è stato chiesto di inalare, in fase acuta, gli aromi dell’olio essenziale di zenzero. I risultati sono deludenti, sebbene i ricercatori affermino che siano necessari ulteriori studi, non sono state riscontrate variazioni significative tra il gruppo di controllo che aveva ricevuto un placebo e il gruppo di donne che aveva invece inalato l’olio essenziale do zenzero. Dunque per ora dobbiamo concludere che l’aromaterapia  a base di zenzero non presenta la stessa efficacia nel trattamento della nausea e del vomito in chemioterapia antitumorale.

Zenzero e diabete

In generale la comunità scientifica concorda, dopo anni di ricerche, sul riconoscere allo zenzero proprietà utili nel trattamento del diabete mellito di tipo 2.

Per intenderci il diabete mellito di tipo 2 è la forma di diabete non insulinico dipendente che colpisce gli adulti. Si tratta di una patologia metabolica collegata da alti tassi di glicemia a cui si accompagna una insulino-resistenza e una insulino deficienza relativa.

Tra tutti gli altri studi è interessante citare quello di Akash et al [DM8] in cui l’autore rileva come il consumo di zenzero sia efficace nel trattamento del diabete mellito di tipo 2 e nelle sue complicazioni. Lo zenzero mostra i suoi effetti terapeutici antidiabetici, aumentando la sensibilità/sintesi insulinica, proteggendo le cellule beta delle isole pancreatiche, riducendo l’accumulo di grasso, riducendo lo stress ossidativo, e aumentando l’assorbimento di glucosio da parte dei tessuti. Oltre a questi effetti, lo zenzero mostra anche effetti protettivi contro varie complicazioni del diabete, in particolare la nefropatia diabetica e la cataratta, agendo come antiossidante e agente anti-glicazione.

Un ulteriore studio [DM46] ha verificato l’efficacia del 6-gingerolo come agente utile per ridurre la glicemia e alleviare lo stress ossidativo grazie alle attività di stimolazione di superossido dismutasi, catalasi, glutatione perossidasi.

L’elenco potrebbe continuare, ma è utile riassumere qui che lo zenzero è stato dimostrato essere un utile rimedio naturale nel trattamento del diabete e dei suoi effetti collaterali.

Zenzero come antiossidante

Numerose ricerche hanno verificato l’efficacia del gingerolo su differenti radicali ossidanti e processi ossidativi.

Ad esempio si è dimostrato efficace nel trattamento del radicale idrossile. Il radicale idrossile è un radicale ossidante naturalmente presente nell’atmosfera e nell’organismo umano. È un radicale particolarmente reattivo, che ha ponteziale effetto dannoso su tutte le macromolecole (carboidrati, acidi nucleici, lipidi e amminoacidi) comprese quelle che compongono il DNA e quindi può avere effetti particolarmente gravi in termini di mutazione genetica. Non è eliminabile dall’organismo tramite una normale reazione enzimatica, ma per la sua eliminazione il corpo ha bisogno di particolati antiossidanti come ad esempio il glutatione oppure il gingerolo [AI61].

Allo stesso modo i ricercatori hanno verificato[AR1] essere utile:

  • nel ridurre la perossidazione lipidica. La perossidazione lipidica è il processo responsabile del precoce invecchiamento cellulare e di alcune patologie anche molto gravi come ad esempio cancro, sclerosi multipla, diabete, artrite reumatoide, enfisema, cataratta, malattia di Parkinson, malattia di Alzheimer, ecc.
  • nel depurare dal radicale peroxil trichlorometile, un importante precursore e attivatore della perossidazione lipidica.
  • e in numerosi altri processi ossidativi

Lo zenzero dunque è un utile alleato per mantenere la pelle giovane e ridurne i sintomi dell’invecchiamento, ma anche per conservare un ottimale stato di stato di salute aiutando a proteggerci da numerose patologie che sono favorite, quando non addirittura provocate, dall’invecchiamento cellulare.

Zenzero e gastrite

I benefici sull’apparato gastrico dello zenzero sono noti da sempre, erano conosciuti al tempo dell’origine dell’Ayurveda e poi si sono diffusi nelle altre culture attraversando lo spazio ed il tempo.

Oggi le moderne scienze mediche hanno conquistato sofisticati sistemi di ricerca ed analisi e possono avvalorare o confutare le tesi legate alle antiche conoscenze mediche. Qual è la posizione della scienza rispetto all’efficacia dello zenzero sull’apparato gastrico.

Nel 2013 è stata realizzata un’analisi della letteratura scientifica esistenze sulla funzione dello zenzero come gastroprotettore.

Dalle pagine di questa analisi i ricercatori raccolto evidenze sufficienti a convalidare gli usi dell’etnomedicina dello zenzero. Lo zenzero è dunque realmente utile nel trattamento di vari disturbi gastrici come:

  • costipazione
  • dispepsia
  • eruttazione
  • gonfiore addominale
  • gastrite
  • fastidio epigastrico
  • ulcerazioni gastriche
  • indigestione
  • nausea e vomito (come già ricordato)

Lo zenzero si è anche dimostrato efficace nel prevenire le ulcere gastriche indotte da:

  • farmaci anti-infiammatori non steroidei [FANS come l’indometacina, aspirina]
  • reserpina
  • etanolo
  • stress (ipotermia e nuoto)
  • acido acetico
  • Helicobacter pylori

Diversi studi preclinici e clinici hanno anche dimostrato che lo zenzero possiede effetti antiemetici contro diversi stimoli emetogenici.

All’origine dell’efficacia dello zenzero, sostengono i ricercatori, sono le sue proprietà di purificazione dai radicali liberi, come antiossidante e per la sua naturale efficacia nell’inibizione della perossidazione lipidica.

Zenzero analgesico, antipiretico e anti-infiammatorio

Anche in questo caso la ricerca è particolarmente ricca di fonti.

La somministrazione orale o per via endovenosa di 6-gingerolo e di 6-shoagol si è dimostrata efficace come antipiretico e analgesico. [GS72]

L’uso di decozioni di zenzero per alleviare reumatismi e artrite ha indotto i ricercatori a svolgere nuove ricerche per chiarire la funzione dello zenzero come anti-infiammatorio.

Numerosi sono gli studi che ne sono seguiti che hanno da un lato chiarito quali fossero i principi attivi, dall’altro studiato i meccanismi di azione.

Per riassumere è possibile affermare che la ricerca scientifica ha acclarato le funzioni dello zenzero per trattare la febbre, alleviare i dolori e ridurre le infiammazioni anche in caso di reumi, artrite e osteoratrite.

Zenzero come antimicrobico

Non ci sono molti dati disponibili sull’attività antimicrobica
dello zenzero o dei suoi metaboliti. Tuttavia, alcuni studi hanno
indicato che i metaboliti effettivamente aumentino l’attività di
altri composti antimicrobici, incrementando così la loro efficacia.

Zenzero per mal di gola, tosse, raffreddore e influenza

È diffusa la credenza che lo zenzero sia efficace come espettorante, per trattare il mal di gola, la tosse, il raffreddore, così come l’influenza e le principali affezioni alle vie aeree connesse a stati infiammatori febbrili.

La ricerca ha verificato l’efficacia dello zenzero in questo genere di patologie. Sebbene ulteriori studi siano necessari per acclarare definitivamente queste proprietà dello zenzero una ricerca, riportata nella review redatta da Semwal et a. [AR1] riferisce dell’efficacia dello zenzero nel trattamento di mal di gola, tosse, raffreddore e influenza ed attribuisce alle proprietà immuno modulanti dello zenzero queste capacità benefiche.

Altri studi, per la maggior parte condotti sui ratti, hanno confermato le proprietà immuno modulanti dello zenzero, in grado di regolare la risposta del sistema immunitario in  base alle effettive necessità. Questo è particolarmente interessante, in quanto le sostanze immuno modulanti hanno il grande pregio di equilibrare la risposta del nostro sistema immunitario in modo naturale inducendolo ad adottare le strategie più consone in base alle minacce effettive cui viene sottoposto. Non si tratta di stimolazione ma di equilibrio e regolazione. Secondo recenti teorie la stimolazione del sistema immunitario provocherebbe nel lungo termine altri problemi, come ad esempio eccessiva sensibilizzazione e rischi di sviluppare altre patologie connesse con un sistema immunitario eccessivamente reattivo. La modulazione del sistema immunitario, invece, comporta una diversa e più naturale stimolazione del sistema immunitario, spingendolo non ad una maggiore ed indistinta reattività ma ad una migliore capacità di risposta solo là dove sia effettivamente necessario.

Dunque in caso di mal di gola, raffreddore, tosse, influenza è utile assumere zenzero come coadiuvante nei processi di guarigione, sia per il trattamento dei sintomi, infatti lo zenzero ha anche proprietà anti-infiammatorie ed è in grado di ridurre gli stati dolorosi tipici, ad esempio, dell’influenza. Per questo scopo sono utili sia i decotti sia l’estratto secco in capsule o compresse.

Zenzero e aggregazione piastrinica

Gli studi effettuati sullo zenzero hanno inoltre confermato la sua azione come anti agglomerante  piastrinico. [CT255]

Nello studio pubblicato nel 2006, Young ha valutato l’effetto sinergico di zenzero e nifedipina sull’aggregazione piastrinica in pazienti ipertesi e soggetti normali. I risultati hanno mostrato che la percentuale di aggregazione piastrinica indotta da collagene, ADP ed epinefrina in pazienti ipertesi era maggiore di quella in volontari normali. Aspirina o zenzero possono potenziare l’effetto anti-aggregazione piastrinica di nifedipina in soggetti normali e pazienti ipertesi. I risultati dello studio suggeriscono che zenzero e nifedipina possiedono un effetto sinergico antiaggregante. Una combinazione di 1 g zenzero con 10 mg di nifedipina al giorno potrebbe essere utile per trattare complicazioni cardiovascolari e cerebrovascolari causate da aggregazione piastrinica.

 

 

 

I cereali integrali alleati per la salute

Diciamo che non è un segreto, ho decantato spesso le virtù dei cereali integrali esortando ad impiegarli il più possibile in sostituzione di quelli raffinati. Finora i lettori di Latte Rhum e Miele hanno fatto più o meno un atto di fede ma oggi vi svelo che non è una mia fissazione ma una consolidata evidenza scientifica. Integrale è meglio.

Lo dice la Dott.ssa Emilse Calzavara che su Farmacovigilanza parla dei cereali integrali dicendo:

Tra le sostanze non abbastanza rappresentate nei comuni regimi alimentari vi sono i cerali (frumento, segale, riso, avena, orzo) integrali.
Studi epidemiologici dimostrano che i cereali integrali, cioè gli alimenti appena citati consumati integralmente in tutte le loro componenti, possono proteggere dall’insorgenza di obesità, diabete, malattie cardiovascolari e tumori.
Tra i meccanismi alla base dei loro effetti protettivi sono stati identificati: l’aumento del senso di sazietà, la riduzione del tempo di transito intestinale e della intensità della risposta glicemica.
Il mantenimento dell’equilibrio glicemico sarebbe dovuto alla presenza nei cereali integrali di Mg, il quale favorirebbe un aumento della secrezione di insulina.
Altro meccanismo riconosciuto è rappresentato dalle attività antiossidanti e anticancerogene di numerosi composti bioattivi come minerali, oligoelementi, vitamine, carotenoidi e polifenoli che derivano dalla crusca e dal germe di grano. Inoltre, il frumento integrale è una ricca fonte di sostanze donatrici di gruppi metilici (metionina, betaina, colina, inositolo e folati) che possono essere coinvolte nella protezione dell’apparato cardiovascolare e della funzionalità epatica, nella regolazione del metabolismo lipidico e infine nella metilazione del DNA, processo che ha la funzione di proteggere il genoma della cellula.

Quelli che ho consultato e vi riporto sono 88 tra gli studi degli ultimi 8 anni. I cereali integrali sono stati studiati in relazione ad alcune patologie e  paragonati, da soli o in sinergia con altri alimenti quali legumi, ai cereali raffinati ed altri cibi. I risultati sono particolarmente interessanti.

La ricerca medica ha scoperto che i cereali integrali (tra parentesi quadre gli articoli cui le informazioni si riferiscono, che trovate citati in fondo nelle risorse, opportunamente linkati alle fonti):

  • riducono il colesterolo LDL (quello cattivo) [1]
  • riducono  il rischio di patologie cardiovascolari, riducono la pressione e migliorano i casi di ipertensione [1, 13, 16, 21, 24, 35, 40, 47, 48, 60, 71] a confermarlo anche una review di studi di anni precedenti [74]. La riduzione di patologie cardiovascolari è stata verificata anche in soggetti donne affette da diabete mellito [19] e in soggetti affetti da ipercolesterolemia [55]. Alcuni studi sottolineano l’importanza di supportare l’assunzione dei cereali integrali con una dieta appropriata che ad esempio riduca latticini e uova [29]. Le evidenze scientifiche concordano anche dopo una meta-analisi che ha studiato 7 ricerche sul tema [51].
  • incrementano la plasma betaina, sostanze che, per tradurre “in soldoni”, proteggono contro lo stress osmotico, l’aridità, l’elevata salinità, temperatura [1].
  • regolano l’appetito e sono ottimi induttori di senso di sazietà, in particolare le ricerche hanno riguardato la segale [2] orzo mondo e farina integrale [26].
  • regolano i livelli di glucosio [2, 3]
  • regolano i livelli di insulina [3, 36, 50, 53, 77]
  • apportano benessere a stomaco e intestino [3]
  • aiutano a dimagrire, a ridurre/controllare gli strati di adipe, e a controllare il peso [4, 8, 16, 23, 25, 32, 38, 42, 43, 44, 53, 54, 63, 85, 87] anche nei bambini e ragazzi [7, 15]. Uno studio specifico è stato fatto sui prodotti integrali italiani [20]
  • diminuiscono il rischio di sindrome metabolica e infiammazione cronica, in particolare grazie alla presenza di acido fenolico e fibre contenute nella crusca [5, 20, 41, 48, 50, 53, 73]
  • hanno un effetto altamente benefico nei soggetti diabetici [2, 12, 16, 24, 30, 31, 37, 39, 53, 60, 61, 79]
  • un sondaggio del National Health and Nutrition Examination (1999-2004) ha confermato che il consumo di cereali integrali è associato a un regime alimentare di migliore qualità e in grado di apportare i nutrienti necessari all’alimentazione umana [9] anche se sono da consumare con moderazione i cereali pronti [10]. A questo riguardo una ricerca ha evidenziato come l’amaranto, alimento senza glutine usato per produrre pane e biscotti per celiaci, rappresenti un’ottima e migliorativa alternativa ai prodotti da forno ottenuti da farine bianche, tanto da presentare più elevati valori nutrizionali [11]
  • aumentano la fertilità e le probabilità di rimanere incinta nelle giovani donne e prevengono, inoltre, dalle complicazioni della gravidanza grazie alla concentrazione di hs-CRP (high sensitive C-reactive protein) [14, 24]
  • presentano azione antitumorale [16, 34, 45, 48, 66] anche nei casi di tumore al seno [33]
  • sviluppano un’azione prebiotica [18, 46]
  • riducono il rischio di aterosclerosi [49] e riducono la progressione dell’aterosclerosi in donne in menopausa [65]

Molti studi paragonano i cereali integrali con quelli raffinati, concludendo di diminuire drasticamente i secondi in favore dei primi e di accertarsi che siano effettivamente integrali e cioè che conservino la crusca e il germe, in questi ultimi infatti si conservano numerose sostanze particolarmente importanti per l’organismo umano.

Infatti, dopo aver consultato tutta la sterminata letteratura in materia mi sono chiesta quale fosse il motivo della salubrità dei cereali integrali. La dr.ssa Joanne Slavin, del Department of Food Science and Nutrition presso la University of Minnesota ha scritto un interessante contributo proprio spiegando i meccanismi biologici che rendono i cereali integrali in grado di proteggerci da numerose funzioni del metabolismo umano. E’ uno dei pochi articoli liberamente scaricabili e vi consiglio di leggerlo. In poche parole la dr.ssa Joanne Slavin afferma che la capacità di proteggere da tumori, patologie cardiovascolari, diabete e obesità tipica dei cereali integrali risiede nella loro ricchezza in nutrienti e sostanze fito-chimiche. In primo luogo i cereali integrali sono una fonte concentrata di fibre, oligosaccaridi e amidi resistenti, carboidrati che attraversano l’intestino tenue senza venire digeriti e fermentano pochissimo nella loro permanenza nel tratto gastro-intestinale, producendo acidi grassi a catena corta (SCFA-short-chain fatty acids). Questi ultimi diminuiscono il pH del colon, servono come fonte di energia  per i colonociti (le cellule epiteliali del colon) e possono modificare il livello dei lipidi nel sangue. Questi miglioramenti nell’apparato digerente possono fornire una immuno-protezione che si estende oltre il sistema digestivo. Secondo la dr.ssa Slavin, inoltre, i cereali integrali sono ricchi in antiossidanti, inclusi oligoelementi e composti fenolici che sono già stati collegati alla prevenzione di patologie. Se questo ancora non bastasse, i cereali integrali mediano l’insulina e le risposte del glucosio. Sebbene inferiori carico e indice glicemico siano stati messi in relazione a diabete, obesità, rischio di cancro al colon e al seno questa relazione si è sviluppata qualora vengano assunti carboidrati di pronta assimilazione. Infine, i cereali integrali contengono molti altri composti che possono proteggere da patologie croniche. Questi composti includono i fitati, i fito-estrogeni come lignans, steroli e stanoli vegetali, vitamine e minerali.

Dunque la letterature concorda, integrale è salutare, raffinato è quantomeno pericoloso…

Ma siccome la natura è una fonte meravigliosa e ci ha regalato la varietà, di cereali integrali ce ne sono di diversi tipi, quale scegliere e come?  Giulia Fulghesu ha pubblicato su “Alimentazione naturale dallo svezzamento all’adolescenza. I prodotti biologici sulla tavola del bambino” (Tecniche Nuove, 2001, Milano) una utile schematizzazione dei cereali in relazione al gusto, all’azione energetica sui meridiani secondo la medicina tradizionale cinese e all’azione curativa.

Sapore Azione
Avena piccante stimola il funzionamento di polmoni e intestino crasso. Adatta per le persone tristi
Farro dolce-acido tonifica fegato e cistifellea. Adatto per chi soffre di stipsi e per le persone facilmente affaticabili e nervose
Frumento dolce-acido tonifica milza e pancreas, facilita la digestione. Adatto per le persone deboli e i convalescenti
Grano saraceno amaro tonifica l’energia di cuore e intestino tenue, riscaldante. Adatto per persone deboli e spossate, per i bambini, durante la gravidanza e l’allattamento
Miglio dolce tonifica l’energia di milza, pancreas e stomaco, diuretico, antidispeptico. Utile nelle persone che soffrono di ritenzione idrica e di cattiva digestione
Orzo dolce espettorante, emolliente, calmante. Elimina la mucosità
Riso dolce calmante, astringente, diaforetico, diuretico, emolliente, ipotensivo, depurativo, antiobesità. Adatto per i convalescenti.
Seitan dolce-salato nutriente. Adatto per i convalescenti dalle malattie dell’apparato digerente

Per chi fosse interessato qui su Latte Rhum e Miele abbiamo pubblicato alcune ricette con cereali integrali.

Con le farine di cereali integrali è anche possibile ottenere gustosi latti vegetali fatti in casa.

Risorse:

1. A whole-grain cereal-rich diet increases plasma betaine, and tends to decrease total and LDL-cholesterol compared with a refined-grain diet in healthy subjects.
Ross AB, Bruce SJ, Blondel-Lubrano A, Oguey-Araymon S, Beaumont M, Bourgeois A, Nielsen-Moennoz C, Vigo M, Fay LB, Kochhar S, Bibiloni R, Pittet AC, Emady-Azar S, Grathwohl D, Rezzi S.
Br J Nutr. 2011 Jan 28:1-12. [Epub ahead of print]
PMID: 21272402 [PubMed – as supplied by publisher]
Related citations
2. Effects of cereal breakfasts on postprandial glucose, appetite regulation and voluntary energy intake at a subsequent standardized lunch; focusing on rye products.
Rosén LA, Ostman EM, Björck IM.
Nutr J. 2011 Jan 19;10:7.
PMID: 21247415 [PubMed – in process] Free Article
Related citations
3. Relationship between molecular structure of cereal dietary fiber and health effects: focus on glucose/insulin response and gut health.
Gemen R, de Vries JF, Slavin JL.
Nutr Rev. 2011 Jan;69(1):22-33. doi: 10.1111/j.1753-4887.2010.00357.x.
PMID: 21198632 [PubMed – in process]
Related citations
4. Whole grain and fiber consumption are associated with lower body weight measures in US adults: National Health and Nutrition Examination Survey 1999-2004.
O’Neil CE, Zanovec M, Cho SS, Nicklas TA.
Nutr Res. 2010 Dec;30(12):815-22.
PMID: 21147364 [PubMed – in process]
Related citations
5. Bioprocessing of wheat bran in whole wheat bread increases the bioavailability of phenolic acids in men and exerts antiinflammatory effects ex vivo.
Mateo Anson N, Aura AM, Selinheimo E, Mattila I, Poutanen K, van den Berg R, Havenaar R, Bast A, Haenen GR.
J Nutr. 2011 Jan;141(1):137-43. Epub 2010 Nov 24.
PMID: 21106920 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
6. Rye whole grain and bran intake compared with refined wheat decreases urinary C-peptide, plasma insulin, and prostate specific antigen in men with prostate cancer.
Landberg R, Andersson SO, Zhang JX, Johansson JE, Stenman UH, Adlercreutz H, Kamal-Eldin A, Aman P, Hallmans G.
J Nutr. 2010 Dec;140(12):2180-6. Epub 2010 Oct 27.
PMID: 20980650 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
7. Consumption of vegetables, cooked meals, and eating dinner is negatively associated with overweight status in children.
Yannakoulia M, Ntalla I, Papoutsakis C, Farmaki AE, Dedoussis GV.
J Pediatr. 2010 Nov;157(5):815-20. Epub 2010 Jun 17.
PMID: 20955852 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
8. Whole- and refined-grain intakes are differentially associated with abdominal visceral and subcutaneous adiposity in healthy adults: the Framingham Heart Study.
McKeown NM, Troy LM, Jacques PF, Hoffmann U, O’Donnell CJ, Fox CS.
Am J Clin Nutr. 2010 Nov;92(5):1165-71. Epub 2010 Sep 29.
PMID: 20881074 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
9. Whole-grain consumption is associated with diet quality and nutrient intake in adults: the National Health and Nutrition Examination Survey, 1999-2004.
O’Neil CE, Nicklas TA, Zanovec M, Cho S.
J Am Diet Assoc. 2010 Oct;110(10):1461-8.
PMID: 20869484 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
10. Ready-to-eat cereals and the burden of obesity in the context of their nutritional contribution: are all ready-to-eat cereals equally healthy? A systematic review.
Kosti RI, Panagiotakos DB, Zampelas A.
Nutr Res Rev. 2010 Dec;23(2):314-22. Epub 2010 Sep 7.
PMID: 20819244 [PubMed – in process]
Related citations
11. Gluten-free breads and cookies of raw and popped amaranth flours with attractive technological and nutritional qualities.
de la Barca AM, Rojas-Martínez ME, Islas-Rubio AR, Cabrera-Chávez F.
Plant Foods Hum Nutr. 2010 Sep;65(3):241-6.
PMID: 20734143 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
12. The role of diet and lifestyle in primary, secondary, and tertiary diabetes prevention: a review of meta-analyses.
Psaltopoulou T, Ilias I, Alevizaki M.
Rev Diabet Stud. 2010 Spring;7(1):26-35. Epub 2010 May 10. Review.
PMID: 20703436 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
13. Effect of increased consumption of whole-grain foods on blood pressure and other cardiovascular risk markers in healthy middle-aged persons: a randomized controlled trial.
Tighe P, Duthie G, Vaughan N, Brittenden J, Simpson WG, Duthie S, Mutch W, Wahle K, Horgan G, Thies F.
Am J Clin Nutr. 2010 Oct;92(4):733-40. Epub 2010 Aug 4.
PMID: 20685951 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
14. Whole grains are associated with serum concentrations of high sensitivity C-reactive protein among premenopausal women.
Gaskins AJ, Mumford SL, Rovner AJ, Zhang C, Chen L, Wactawski-Wende J, Perkins NJ, Schisterman EF; BioCycle Study Group.
J Nutr. 2010 Sep;140(9):1669-76. Epub 2010 Jul 28.
PMID: 20668255 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
15. Relationship between whole grain and fiber consumption and body weight measures among 6- to 18-year-olds.
Zanovec M, O’Neil CE, Cho SS, Kleinman RE, Nicklas TA.
J Pediatr. 2010 Oct;157(4):578-83. Epub 2010 Jun 12.
PMID: 20542284 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
16. New hypotheses for the health-protective mechanisms of whole-grain cereals: what is beyond fibre?
Fardet A.
Nutr Res Rev. 2010 Jun;23(1):65-134. Epub 2010 Jun 22. Review.
PMID: 20565994 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
17. Whole grain in children’s diet: intake, food sources and trends.
Alexy U, Zorn C, Kersting M.
Eur J Clin Nutr. 2010 Jul;64(7):745-51. Epub 2010 Jun 2.
PMID: 20517324 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
18. Determination of the in vivo prebiotic potential of a maize-based whole grain breakfast cereal: a human feeding study.
Carvalho-Wells AL, Helmolz K, Nodet C, Molzer C, Leonard C, McKevith B, Thielecke F, Jackson KG, Tuohy KM.
Br J Nutr. 2010 Nov;104(9):1353-6. Epub 2010 May 21.
PMID: 20487589 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
19. Whole-grain, cereal fiber, bran, and germ intake and the risks of all-cause and cardiovascular disease-specific mortality among women with type 2 diabetes mellitus.
He M, van Dam RM, Rimm E, Hu FB, Qi L.
Circulation. 2010 May 25;121(20):2162-8. Epub 2010 May 10.
PMID: 20458012 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
20. Effects of short-term consumption of bread obtained by an old Italian grain variety on lipid, inflammatory, and hemorheological variables: an intervention study.
Sofi F, Ghiselli L, Cesari F, Gori AM, Mannini L, Casini A, Vazzana C, Vecchio V, Gensini GF, Abbate R, Benedettelli S.
J Med Food. 2010 Jun;13(3):615-20.
PMID: 20438321 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
21. Whole-grain consumption tied to lower blood pressure.
[No authors listed]
Mayo Clin Health Lett. 2010 Feb;28(2):4. No abstract available.
PMID: 20336812 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
22. Whole-grain intake correlates among adolescents and young adults: findings from Project EAT.
Larson NI, Neumark-Sztainer D, Story M, Burgess-Champoux T.
J Am Diet Assoc. 2010 Feb;110(2):230-7.
PMID: 20102850 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
23. Whole-grain ready-to-eat oat cereal, as part of a dietary program for weight loss, reduces low-density lipoprotein cholesterol in adults with overweight and obesity more than a dietary program including low-fiber control foods.
Maki KC, Beiseigel JM, Jonnalagadda SS, Gugger CK, Reeves MS, Farmer MV, Kaden VN, Rains TM.
J Am Diet Assoc. 2010 Feb;110(2):205-14.
PMID: 20102847 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
24. Whole and refined grain intakes are related to inflammatory protein concentrations in human plasma.
Masters RC, Liese AD, Haffner SM, Wagenknecht LE, Hanley AJ.
J Nutr. 2010 Mar;140(3):587-94. Epub 2010 Jan 20.
PMID: 20089789 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
25. Whole-grain intake and cereal fiber are associated with lower abdominal adiposity in older adults.
McKeown NM, Yoshida M, Shea MK, Jacques PF, Lichtenstein AH, Rogers G, Booth SL, Saltzman E.
J Nutr. 2009 Oct;139(10):1950-5. Epub 2009 Sep 2.
PMID: 19726588 [PubMed – indexed for MEDLINE] Free PMC Article Free text
Related citations
26. Influence of whole grain barley, whole grain wheat, and refined rice-based foods on short-term satiety and energy intake.
Schroeder N, Gallaher DD, Arndt EA, Marquart L.
Appetite. 2009 Dec;53(3):363-9. Epub 2009 Jul 28.
PMID: 19643157 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
27. Whole grains and incident hypertension in men.
Flint AJ, Hu FB, Glynn RJ, Jensen MK, Franz M, Sampson L, Rimm EB.
Am J Clin Nutr. 2009 Sep;90(3):493-8. Epub 2009 Jul 1.
PMID: 19571218 [PubMed – indexed for MEDLINE] Free PMC Article Free text
Related citations
28. Wheat.
Shewry PR.
J Exp Bot. 2009;60(6):1537-53. Review.
PMID: 19386614 [PubMed – indexed for MEDLINE] Free Article
Related citations
29. More whole grains, fewer dairy products and eggs reduce heart failure risk. One extra serving daily of a whole-grain product can reduce your risk for heart failure by seven percent.
[No authors listed]
Duke Med Health News. 2009 Feb;15(2):3. No abstract available.
PMID: 19358322 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
30. Whole grain and legume acceptability among youths with type 1 diabetes.
Gellar L, Rovner AJ, Nansel TR.
Diabetes Educ. 2009 May-Jun;35(3):422-7. Epub 2009 Mar 16.
PMID: 19289543 [PubMed – indexed for MEDLINE] Free PMC Article Free text
Related citations
31. Whole-grain consumption and transcription factor-7-like 2 ( TCF7L2) rs7903146: gene-diet interaction in modulating type 2 diabetes risk.
Fisher E, Boeing H, Fritsche A, Doering F, Joost HG, Schulze MB.
Br J Nutr. 2009 Feb;101(4):478-81. Epub 2008 Jul 17.
PMID: 19149908 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
32. Relation of dietary glycemic index, glycemic load, and fiber and whole-grain intakes during puberty to the concurrent development of percent body fat and body mass index.
Cheng G, Karaolis-Danckert N, Libuda L, Bolzenius K, Remer T, Buyken AE.
Am J Epidemiol. 2009 Mar 15;169(6):667-77. Epub 2009 Jan 6.
PMID: 19126582 [PubMed – indexed for MEDLINE] Free Article
Related citations
33. Intake of whole grain products and risk of breast cancer by hormone receptor status and histology among postmenopausal women.
Egeberg R, Olsen A, Loft S, Christensen J, Johnsen NF, Overvad K, Tjønneland A.
Int J Cancer. 2009 Feb 1;124(3):745-50.
PMID: 19004010 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
34. Dietary factors and oral and pharyngeal cancer risk.
Lucenteforte E, Garavello W, Bosetti C, La Vecchia C.
Oral Oncol. 2009 Jun;45(6):461-7. Epub 2008 Nov 5. Review.
PMID: 18990606 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
35. Incident heart failure is associated with lower whole-grain intake and greater high-fat dairy and egg intake in the Atherosclerosis Risk in Communities (ARIC) study.
Nettleton JA, Steffen LM, Loehr LR, Rosamond WD, Folsom AR.
J Am Diet Assoc. 2008 Nov;108(11):1881-7.
PMID: 18954578 [PubMed – indexed for MEDLINE] Free PMC Article Free text
Related citations
36. Whole-grain cereal products based on a high-fibre barley or oat genotype lower post-prandial glucose and insulin responses in healthy humans.
Alminger M, Eklund-Jonsson C.
Eur J Nutr. 2008 Sep;47(6):294-300. Epub 2008 Jul 16.
PMID: 18633670 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
37. Whole grain foods for the prevention of type 2 diabetes mellitus.
Priebe MG, van Binsbergen JJ, de Vos R, Vonk RJ.
Cochrane Database Syst Rev. 2008 Jan 23;(1):CD006061. Review.
PMID: 18254091 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
38. Carbohydrate intake and obesity.
van Dam RM, Seidell JC.
Eur J Clin Nutr. 2007 Dec;61 Suppl 1:S75-99. Review.
PMID: 17992188 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
39. Breakfast cereals and risk of type 2 diabetes in the Physicians’ Health Study I.
Kochar J, Djoussé L, Gaziano JM.
Obesity (Silver Spring). 2007 Dec;15(12):3039-44.
PMID: 18198313 [PubMed – indexed for MEDLINE] Free Article
Related citations
40. The effects of a whole grain-enriched hypocaloric diet on cardiovascular disease risk factors in men and women with metabolic syndrome.
Katcher HI, Legro RS, Kunselman AR, Gillies PJ, Demers LM, Bagshaw DM, Kris-Etherton PM.
Am J Clin Nutr. 2008 Jan;87(1):79-90.
PMID: 18175740 [PubMed – indexed for MEDLINE] Free Article
Related citations
41. Intake of whole grains, refined grains, and cereal fiber measured with 7-d diet records and associations with risk factors for chronic disease.
Newby PK, Maras J, Bakun P, Muller D, Ferrucci L, Tucker KL.
Am J Clin Nutr. 2007 Dec;86(6):1745-53.
PMID: 18065595 [PubMed – indexed for MEDLINE] Free PMC Article Free text
Related citations
42. Whole-grain intake as a marker of healthy body weight and adiposity.
Harland JI, Garton LE.
Public Health Nutr. 2008 Jun;11(6):554-63. Epub 2007 Nov 16.
PMID: 18005489 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
43. Whole-grain consumption, dietary fibre intake and body mass index in the Netherlands cohort study.
van de Vijver LP, van den Bosch LM, van den Brandt PA, Goldbohm RA.
Eur J Clin Nutr. 2009 Jan;63(1):31-8. Epub 2007 Sep 26.
PMID: 17895913 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
44. Whole grains and adiposity: little association among British adults.
Thane CW, Stephen AM, Jebb SA.
Eur J Clin Nutr. 2009 Feb;63(2):229-37. Epub 2007 Sep 19.
PMID: 17882134 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
45. Whole grains and risk of pancreatic cancer in a large population-based case-control study in the San Francisco Bay Area, California.
Chan JM, Wang F, Holly EA.
Am J Epidemiol. 2007 Nov 15;166(10):1174-85. Epub 2007 Sep 18.
PMID: 17881383 [PubMed – indexed for MEDLINE] Free Article
Related citations
46. Whole-grain wheat breakfast cereal has a prebiotic effect on the human gut microbiota: a double-blind, placebo-controlled, crossover study.
Costabile A, Klinder A, Fava F, Napolitano A, Fogliano V, Leonard C, Gibson GR, Tuohy KM.
Br J Nutr. 2008 Jan;99(1):110-20. Epub 2007 Aug 29.
PMID: 17761020 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
47. Whole- and refined-grain intakes and the risk of hypertension in women.
Wang L, Gaziano JM, Liu S, Manson JE, Buring JE, Sesso HD.
Am J Clin Nutr. 2007 Aug;86(2):472-9.
PMID: 17684221 [PubMed – indexed for MEDLINE] Free Article
Related citations
48. Whole-grain consumption is associated with a reduced risk of noncardiovascular, noncancer death attributed to inflammatory diseases in the Iowa Women’s Health Study.
Jacobs DR Jr, Andersen LF, Blomhoff R.
Am J Clin Nutr. 2007 Jun;85(6):1606-14.
PMID: 17556700 [PubMed – indexed for MEDLINE] Free Article
Related citations
49. Whole-grain intake and carotid artery atherosclerosis in a multiethnic cohort: the Insulin Resistance Atherosclerosis Study.
Mellen PB, Liese AD, Tooze JA, Vitolins MZ, Wagenknecht LE, Herrington DM.
Am J Clin Nutr. 2007 Jun;85(6):1495-502.
PMID: 17556684 [PubMed – indexed for MEDLINE] Free Article
Related citations
50. Whole-grain foods do not affect insulin sensitivity or markers of lipid peroxidation and inflammation in healthy, moderately overweight subjects.
Andersson A, Tengblad S, Karlström B, Kamal-Eldin A, Landberg R, Basu S, Aman P, Vessby B.
J Nutr. 2007 Jun;137(6):1401-7.
PMID: 17513398 [PubMed – indexed for MEDLINE] Free Article
Related citations
51. Whole grain intake and cardiovascular disease: a meta-analysis.
Mellen PB, Walsh TF, Herrington DM.
Nutr Metab Cardiovasc Dis. 2008 May;18(4):283-90. Epub 2007 Apr 20.
PMID: 17449231 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
52. Going with the (whole) grain.
Hieronymus L, Geil P.
Diabetes Self Manag. 2007 Mar-Apr;24(2):52-4, 57-8. No abstract available.
PMID: 17410672 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
53. Whole grain intake and its cross-sectional association with obesity, insulin resistance, inflammation, diabetes and subclinical CVD: The MESA Study.
Lutsey PL, Jacobs DR Jr, Kori S, Mayer-Davis E, Shea S, Steffen LM, Szklo M, Tracy R.
Br J Nutr. 2007 Aug;98(2):397-405. Epub 2007 Mar 29.
PMID: 17391554 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
54. Whole-grain intake is associated with body mass index in college students.
Rose N, Hosig K, Davy B, Serrano E, Davis L.
J Nutr Educ Behav. 2007 Mar-Apr;39(2):90-4.
PMID: 17346657 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
55. Whole-grain diets reduce blood pressure in mildly hypercholesterolemic men and women.
Behall KM, Scholfield DJ, Hallfrisch J.
J Am Diet Assoc. 2006 Sep;106(9):1445-9.
PMID: 16963350 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
56. What is a whole grain?
[No authors listed]
Mayo Clin Womens Healthsource. 2006 Aug;10(8):10. No abstract available.
PMID: 16829849 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
57. Whole-grain intake cools down inflammation.
Esposito K, Giugliano D.
Am J Clin Nutr. 2006 Jun;83(6):1440-1; author reply 1441-2. No abstract available.
PMID: 16762958 [PubMed – indexed for MEDLINE] Free Article
Related citations
58. Whole-grain intake, metabolic syndrome, and mortality in older adults.
Esmaillzadeh A, Azadbakht L.
Am J Clin Nutr. 2006 Jun;83(6):1439-40; author reply 1441-2. No abstract available.
PMID: 16762957 [PubMed – indexed for MEDLINE] Free Article
Related citations
59. Whole-grain and fiber intakes and periodontitis risk in men.
Merchant AT, Pitiphat W, Franz M, Joshipura KJ.
Am J Clin Nutr. 2006 Jun;83(6):1395-400.
PMID: 16762952 [PubMed – indexed for MEDLINE] Free Article
Related citations
60. Whole grains, bran, and germ in relation to homocysteine and markers of glycemic control, lipids, and inflammation 1.
Jensen MK, Koh-Banerjee P, Franz M, Sampson L, Grønbaek M, Rimm EB.
Am J Clin Nutr. 2006 Feb;83(2):275-83. Erratum in: Am J Clin Nutr. 2006 Jun;83(6):1443.
PMID: 16469984 [PubMed – indexed for MEDLINE] Free Article
Related citations
61. Whole-grain, bran, and cereal fiber intakes and markers of systemic inflammation in diabetic women.
Qi L, van Dam RM, Liu S, Franz M, Mantzoros C, Hu FB.
Diabetes Care. 2006 Feb;29(2):207-11.
PMID: 16443861 [PubMed – indexed for MEDLINE] Free Article
Related citations
62. Whole-grain intake is inversely associated with the metabolic syndrome and mortality in older adults.
Sahyoun NR, Jacques PF, Zhang XL, Juan W, McKeown NM.
Am J Clin Nutr. 2006 Jan;83(1):124-31.
PMID: 16400060 [PubMed – indexed for MEDLINE] Free Article
Related citations
63. Dietary intake of whole and refined grain breakfast cereals and weight gain in men.
Bazzano LA, Song Y, Bubes V, Good CK, Manson JE, Liu S.
Obes Res. 2005 Nov;13(11):1952-60.
PMID: 16339127 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
64. Whole-grain intake of British young people aged 4-18 years.
Thane CW, Jones AR, Stephen AM, Seal CJ, Jebb SA.
Br J Nutr. 2005 Nov;94(5):825-31.
PMID: 16277788 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
65. Cereal fiber and whole-grain intake are associated with reduced progression of coronary-artery atherosclerosis in postmenopausal women with coronary artery disease.
Erkkilä AT, Herrington DM, Mozaffarian D, Lichtenstein AH.
Am Heart J. 2005 Jul;150(1):94-101.
PMID: 16084154 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
66. Whole grain consumption and risk of colorectal cancer: a population-based cohort of 60,000 women.
Larsson SC, Giovannucci E, Bergkvist L, Wolk A.
Br J Cancer. 2005 May 9;92(9):1803-7.
PMID: 15827552 [PubMed – indexed for MEDLINE] Free PMC Article Free text
Related citations
67. Prudent diet and the risk of insulin resistance.
Villegas R, Salim A, Flynn A, Perry IJ.
Nutr Metab Cardiovasc Dis. 2004 Dec;14(6):334-43.
PMID: 15853117 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
68. Nutrition and health education intervention for whole grain foods in the Georgia older Americans nutrition programs.
Ellis J, Johnson MA, Fischer JG, Hargrove JL.
J Nutr Elder. 2005;24(3):67-83.
PMID: 15911525 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
69. Whole-grain rye bread consumption by women correlates with plasma alkylresorcinols and increases their concentration compared with low-fiber wheat bread.
Linko AM, Juntunen KS, Mykkänen HM, Adlercreutz H.
J Nutr. 2005 Mar;135(3):580-3.
PMID: 15735097 [PubMed – indexed for MEDLINE] Free Article
Related citations
70. Whole-grain intake and the prevalence of hypertriglyceridemic waist phenotype in Tehranian adults.
Esmaillzadeh A, Mirmiran P, Azizi F.
Am J Clin Nutr. 2005 Jan;81(1):55-63.
PMID: 15640460 [PubMed – indexed for MEDLINE] Free Article
Related citations
71. Intakes of whole grains, bran, and germ and the risk of coronary heart disease in men.
Jensen MK, Koh-Banerjee P, Hu FB, Franz M, Sampson L, Grønbaek M, Rimm EB.
Am J Clin Nutr. 2004 Dec;80(6):1492-9.
PMID: 15585760 [PubMed – indexed for MEDLINE] Free Article
Related citations
72. [Wheat, bread and pasta in Mediterranean diets].
Pérez Rodrigo C, Ruiz Vadillo V.
Arch Latinoam Nutr. 2004 Jun;54(2 Suppl 1):52-8. Review. Spanish.
PMID: 15584473 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
73. Whole-grain consumption and the metabolic syndrome: a favorable association in Tehranian adults.
Esmaillzadeh A, Mirmiran P, Azizi F.
Eur J Clin Nutr. 2005 Mar;59(3):353-62.
PMID: 15536473 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
74. Whole grain intake and cardiovascular disease: a review.
Jacobs DR Jr, Gallaher DD.
Curr Atheroscler Rep. 2004 Nov;6(6):415-23. Review.
PMID: 15485586 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
75. [Whole-grain bread in therapeutic diets of health resorts and sanatoria].
Shatniuk LN, Belikov VS.
Vopr Kurortol Fizioter Lech Fiz Kult. 2004 Jul-Aug;(4):46-7. Russian. No abstract available.
PMID: 15449676 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
76. Intake of whole grains and vegetables determines the plasma enterolactone concentration of Danish women.
Johnsen NF, Hausner H, Olsen A, Tetens I, Christensen J, Knudsen KE, Overvad K, Tjønneland A.
J Nutr. 2004 Oct;134(10):2691-7.
PMID: 15465768 [PubMed – indexed for MEDLINE] Free Article
Related citations
77. Whole grain intake and insulin sensitivity: evidence from observational studies.
McKeown NM.
Nutr Rev. 2004 Jul;62(7 Pt 1):286-91. Review.
PMID: 15384920 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
78. The influence of whole grain inclusion in pelleted broiler diets on proventricular dilatation and ascites mortality.
Taylor RD, Jones GP.
Br Poult Sci. 2004 Apr;45(2):247-54.
PMID: 15222422 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
79. Cereal grains, legumes and diabetes.
Venn BJ, Mann JI.
Eur J Clin Nutr. 2004 Nov;58(11):1443-61. Review.
PMID: 15162131 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
80. Go with the grain, the whole grain.
[No authors listed]
Harv Womens Health Watch. 2003 Dec;11(4):6. No abstract available.
PMID: 14690964 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
81. Who consumes whole grains, and how much?
Lang R, Jebb SA.
Proc Nutr Soc. 2003 Feb;62(1):123-7. Review.
PMID: 14631985 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
82. Relation between changes in intakes of dietary fiber and grain products and changes in weight and development of obesity among middle-aged women.
Liu S, Willett WC, Manson JE, Hu FB, Rosner B, Colditz G.
Am J Clin Nutr. 2003 Nov;78(5):920-7.
PMID: 14594777 [PubMed – indexed for MEDLINE] Free Article
Related citations
83. Behavioural, attitudinal and dietary responses to the consumption of wholegrain foods.
Smith AT, Kuznesof S, Richardson DP, Seal CJ.
Proc Nutr Soc. 2003 May;62(2):455-67. Review.
PMID: 14506894 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
84. Consumption of whole-grain foods by British adults: findings from further analysis of two national dietary surveys.
Lang R, Thane CW, Bolton-Smith C, Jebb SA.
Public Health Nutr. 2003 Aug;6(5):479-84.
PMID: 12943564 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
85. Whole grain intake is associated with lower body mass and greater insulin sensitivity among adolescents.
Steffen LM, Jacobs DR Jr, Murtaugh MA, Moran A, Steinberger J, Hong CP, Sinaiko AR.
Am J Epidemiol. 2003 Aug 1;158(3):243-50.
PMID: 12882946 [PubMed – indexed for MEDLINE] Free Article
Related citations
86. Whole grains protect against atherosclerotic cardiovascular disease.
Anderson JW.
Proc Nutr Soc. 2003 Feb;62(1):135-42. Review.
PMID: 12740068 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
87. Whole grain consumption and weight gain: a review of the epidemiological evidence, potential mechanisms and opportunities for future research.
Koh-Banerjee P, Rimm EB.
Proc Nutr Soc. 2003 Feb;62(1):25-9. Review.
PMID: 12740053 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations
88. Why whole grains are protective: biological mechanisms.
Slavin J.
Proc Nutr Soc. 2003 Feb;62(1):129-34. Review.
PMID: 12740067 [PubMed – indexed for MEDLINE]
Related citations