Sali di Schüssler e infiammazione intima

DOMANDA:
Gentili avrei bisogno di porre una domanda su quali sali usare per un’infiammazione-dolore-bruciore nella zona vagina utero. E’ da tre anni che me la porto dietro…avevo pensato a silica+ ferrum phosphoricum perchè è vero che è antica ma il colore è rosso vivo. Mi potete dare un parere competente?
Grazie
Rosalia

RISPOSTA:

Buongiorno Rosalia,

le infiammazioni sono sempre un campanello d’allarme da non trascurare. Le suggerisco di rivolgersi quanto prima ad un medico o ad un omeopata di sua fiducia per affrontare insieme quanto prima il problema.

Come prassi, quando è in corso un’infiammazione, è fondamentale rivedere la propria alimentazione e procede ad una disintossicazione naturale. Un ottimo sistema, molto semplice consiste di tre passi:

– aumentare la quantità di acqua naturale assunta durante la giornata

– bere tutte le mattine un limone spremuto diluito in un grande bicchiere d’acqua a temperatura ambiente

– ridurre proteine animali e cereali raffinati in favore di una dieta più ricca di verdura frutta, cereali integrali e proteine vegetali, naturalmente con il consulto di un nutrizionista che conosca e valuti il suo quadro personale

Per quanto riguarda i Sali di Schüssler, trattandosi di una situazione cronica di infiammazione e bruciore, e non disponendo di ulteriori indicazioni,  tra i sali più indicati ci sono:

– n.4 Kalium chloratum. Utile nel terzo stadio delle infiammazioni, o durante la loro cronicizzazione.

– n.12 Calcium sulfuricum.  Se unitamente all’infiammazione si presentano secrezioni di pus o gonfiore.

– n.8 Natrium chloratum. Per le infiammazioni vaginali accompagnate da bruciore.

Il colore è molto spesso un’ottimo indicatore che segnala la necessità di Ferrum ph., tuttavia in casi di infiammazione così lungamente protratta potrebbe rivelarsi inefficace, poiché lo stadio infiammatorio è evoluto oltre e il corpo ha necessità di altre sostanze per uscire dall’empasse.

Si rimanda all’esperto di fiducia per la posologia e ulteriori indicazioni.

Un saluto cordiale

Elisa Cerruti