Quali Alimenti Per Le Allergie Da Polline

I pollini responsabili delle principali allergie sono in aumento a causa della sempre maggiore quantita’ di CO2 nell’aria. L’AGI questa mattina segnala un interessante studio  presentato al meeting della European Geosciences Union in corso a Vienna, che ha dimostrato come le piante producano piu’ sostanze allergeniche rispetto al passato. La ricerca coordinata dall’Universita’ di Monaco si e’ basata sui dati di 13 stazioni di monitoraggio in tutta Europa, oltre che sulle informazioni della Fao e su quelle meteorologiche. Il 60 per cento delle 20 specie di piante prese in esame ha mostrato un aumento della produzione di pollini, e fra queste diverse sono quelle responsabili delle allergie come la febbre da fieno, segnalate in aumento in tutto il continente: “Abbiamo escluso tutti gli altri possibili contributi, come l’aumento della temperatura o il cambiamento nel tipo di coltivazioni – hanno spiegato gli autori – e l’unica associazione rimasta e’ quella con la CO2. Paradossalmente abbiamo notato che l’aumento nella produzione dei pollini avviene soprattutto in citta’, perche’ la maggior permanenza dell’ozono modifica il ciclo di vita delle piante”. Secondo i ricercatori questo fenomeno potrebbe peggiorare nei prossimi anni, visto che la Co2 atmosferica e’ in aumento. “Questo pone un problema a livello locale – hanno concluso – gli amministratori pubblici dovrebbero tenere conto delle allergie quando decidono di piantare nuovi alberi”.

Se siete affetti da allergie, in particolare di quelle da polline o agenti atmosferici, potete aiutarvi specialmente in questo periodo con alcune semplici ed economiche pratiche.

In questi casi è indispensabile scegliere i giusti alimenti e depurarsi, mantenendo così il più possibile il corpo “pulito” e in buon funzionamento. Evitate i cibi pesanti, moderate i fritti, soffritti, cibi grassi in genere, evitate lo zucchero (saccarosio) che abbassa le difese immunitarie. Tra i cereali preferite il riso integrale che ha proprietà lenitive, l’orzo e l’avena integrali (per vedere le loro proprietà leggete qui). Evitate i cereali raffinati e degli alimenti ottenuti dalla loro lavorazione. Tra gli ortaggi prediligete quelli ad elevato contenuto di vitamina c, che trovate qui > Vitamina C <.

Praticate alcune pulizie profonde che aiutano il corpo a liberarsi delle tossine. Almeno una volta alla settimana, ma è preferibile una volta al giorno, praticate il lavaggio nasale yoga chiamato jala neti che trovate spiegato qui insieme ai benefici apportati. Una volta alla settimana concedetevi il rito del bagno turco con annesso il peeling. Permette di eliminare attraverso il derma, il nostro organo più esteso, l’eccesso di tossine accumulate.

Lascia un commento