IMG_0336

Depilazione Fai Da Te: Ceretta Araba Zucchero e Limone (senza strisce)

Dopo aver provato lo scrub la vostra pelle è pronta per una depilazione a freddo, poco irritante e biologica, nonchè ecologica perchè gli ingredienti fanno bene anche all’ambiente: pochi imballi, prevalentemente carta e buccia di limone, scarti della depilazione che si sciolgono in acqua e possono andare nell’organico.

Si tratta della depilazione brasiliana, ottima per depilare parti intime. E’ una ceretta indolore, indicata per la depilazione maschile, per la depilazione inguine e per la depilazione totale.

La preparazione è semplice, solo poche accortezze ma facili e precise.

Si prepara in casa con un pentolino abbastanza grande da contenere comodamente gli ingredienti. Potete farne quanta ne volete perché si conserva per circa 6 mesi in luogo fresco e asciutto. Si usa senza strisce: lo strappo avviene direttamente con la cera. E’ molto meno dolorosa della ceretta tradizionale e i risultati sono ottimi. La pelle rimane molto morbida. E’ idrosolubile e quindi con un poco di acqua calda spariscono tutti i residui. Basta prenderci un po’ la mano e i risultati sono strabilianti!

Le dosi sono in cup, per le conversioni vedete le tabelle di Cibo360°, o quelle di cookaround o quelle di Wikipedia.

Gli ingredienti per una cera che dura per circa 2-3 volte sono:

  • zucchero bianco o di canna 2 cup
  • succo di limone 3 cucchiai
  • acqua 3 cucchiai

Mettete gli ingredienti in un pentolino (antiaderente oppure no è indifferente). A fuoco medio sciogliete lo zucchero fino ad ottenere una miscela omogenea e liquida. Rimescolate di frequente con un cucchiaio di acciaio. Quando il composto è liquido spostate il pentolino sul fuoco più basso della vostra cucina e tenetelo al minimo, in modo tale che la ceretta sobbolla facendo bolle ampie e senza “gonfiare” eccessivamente.

Quando il composto diventa di color ambra spegnete il fuoco, lasciate raffreddare per un paio di minuti e travasate in un contenitore basso e largo anche di plastica.

Come si usa: quando sarà ben freddo (normalmente si consiglia di prepararla il giorno prima) preparate le gambe passando un po’ di borotalco. A questo punto pulite bene le mani, passate un poco di alcol e staccate un po’ di cera facendo attenzione che non si appiccichi alle dita. Lavoratela con le mani per ottenere una pallina, sempre facendo attenzione che non si appiccichi. A questo punto stendetela sulla pelle con gesto rapido e deciso in senso CONTRARIO alla crescita del pelo e quindi strappate subito seguendo il senso di crescita. Si usa al contrario delle altre cerette, anche se io faccio un mix un po’ in un senso e un po’ nell’altro. La pallina è da gettare quando diventa bianca.

64 thoughts on “Depilazione Fai Da Te: Ceretta Araba Zucchero e Limone (senza strisce)”

  1. veramente molto efficace e quasi indolore! ma perché mi sono fatta del male per tutto questo tempo?! l’ho provata oggi per la prima volta e sono molto soddisfatta!

  2. Ma sai che ho pensato alla stessa cosa quando l’ho scoperta! Bentrovata Sabina e grazie per averci detto la tua esperienza! :-)

  3. se esce un po’ troppo appiccicaticcia quale potrebbe essere la causa? è scritto di fare attenzione che non si appiccichi, ma è inevitabile, non riesco nemmeno a fare la pallina! il suo lavoro lo fa però…

  4. La prima che ho preparato ha fatto lo stesso difetto anche a me, poi ho capito come fare ecco qualche trucchetto…
    I problemi possono essere diversi:
    - potrebbe avere cotto troppo, è importante che non diventi troppo scura, se prende un colore brunito poi non solidifica bene e può rimanere appiccicaticcia
    - ho notato che anche la differenza di temperatura del cucchiaio per mescolare può dare problemi, si può riscaldarlo tenendolo sospeso sopra la pentola alcuni secondi prima di immergerlo
    - il contenitore: è preferibile che sia basso e ampio, come quelli da affettati, in modo che il composto formi uno strato alto 2-3 cm che raffreddi più uniformemente e velocemente, così la cera è anche più facile da prendere
    - ungersi le mani poco ma anche tutte le volte che si prende una pallina, togliendo l’eventuale eccesso, l’olio di mandorle dolci mi ha dato meno problemi di quello di girasole, sarà coincidenza eppure…
    - il movimento della mano nello stendere e strappare fa gran parte del lavoro…bisogna prenderci la mano, deve essere rapido e deciso, il senso ho notato che non è importante ma anche quello aiuta a mantenerne la consistenza e l’efficacia

    Per mia esperienza con una pallina di circa 3 cm di diametro faccio circa 3/4 di gamba adesso…davvero sorprendente soprattutto se penso a quanto fa meno male, anche perchè non mi ustiono più (a me la ceretta calda da parecchio fastidio) a parità di efficacia. Non so per te, ma per me l’inguine non è più una tortura da sudori freddi…
    Spero di essere stata utile!

  5. Ciao Elisa, i tuoi suggerimenti sono sempre utilissimi, adesso mi sono decisa anch’io di provare questo tipo di ceretta casalinga…io ho sempre avuto il terrore delle cerette, ne feci una anni indietro e feci una schifezza, poi ho provato le strisce depilatorie ma non mi sono trovata molto bene, alla fine dopo che per secoli ho usato la lametta, mi sono comprata l’epilatore, però devo ammettere che non riesce a prendere tutti i peli, come quelli fini e corti…Quindi dopo tante torture ed alternative ho deciso finalmente di affidarmi ai tuoi consigli :)
    Proverò la ceretta e poi ti farò sapere come è andata se ti va..
    Ti mando un abbraccio e grazie!!!
    Ps se ti va passa atrovarmi nel blog, mi farebbe piacere!
    Ciaooooooooooo

  6. Un abbraccio a te e naturalmente…aspettiamo la tua esperienza!! :)
    Passo sempre su Punto Kids è un blog davvero interessante, utile e anche divertente!!

  7. ciao volevo chiedere se per la ceretta potevo usare anche il succo di limone quello per condire le insalate anziché il limone al naturale grazie mille davvero saluti

  8. Ciao Marya, io non ho mai provato a usare il succo di limone confezionato. Ti consiglierei quello naturale. Ma se provi facci sapere com’è andata! :) Elisa

  9. Grazie Elisa per tutti i tuoi suggerimenti, ma continua ad essere sempre un po’ troppo appiccicosa per i miei gusti… La utilizzo spalmandola nella parte da depilare e poi togliendo il tutto con dei vecchi fazzoletti!
    Io uso tranquillamente il succo di limone confezionato.

  10. Grazie a te Sabina! Credo sia anche il caldo. Anche la mia che un mese fa andava benissimo in questi giorni in cui fa più caldo è diventata appiccicosa. Buona estate e a presto! :)

  11. per cup intendi la tazzina da caffè o da thè? a quanti grammi corrisponde una “cup”????

  12. Ciao Miriam, grazie per la visita e per la domanda. Si conserva per circa 6 mesi in contenitori di plastica con coperchio bassi e larghi, ad esempio quelli per il prosciutto. E’ bene tenerla in luogo fresco, asciutto e possibilmente al buio (un armadietto andrà benissimo). Può dare qualche problema nei mesi più caldi quando arrivano i picchi estivi. In quel periodo l’ideale sarebbe tenere la cera in una cantina o un posto fresco e non troppo umido. In alternativa il frigorifero può andare molto bene ma bisogna controllare che non si formi troppa condensa sopra la cera. Sembra difficile ma non lo è!! :-)

  13. Ciao Irene! Dipende dalla quantità di zucchero. Circa 5-10 minuti ma la cosa importante è il colore, deve essere tinta ambra chiara, non scuro come il caramello e non chiaro come il miele d’acacia. Io ho dovuto fare due prove prima di capire bene la giusta cottura.

  14. Ciao!! Io conoscevo un altro modo sempre con questi stessi ingredienti ma con l’aggiunta di miele, però detto ceretta araba…
    Il metodo di depilazione, però, è diverso: quando il composto è pronto bisogna lavorarlo con le mani fino ad ottenere una pallina giallo-oro. Questa si passa sulla pelle e strappa tutti i peli del corpo. Dopo un po’ che la si usa diventa appiccicosa, per evitare che si appiccichi alle mani bisogna ungersele con un po’ d’acqua.

  15. Ciao Elisa,
    l’idea è fantastica la realizzazione un po’ meno…almeno per me!sono due volte che ci provo e una volta raffreddato il composto è una mattonella di marmo -_-’..ho messo circa 440 g. di zucchero perché un cup dovrebbe essere sui 220 g. però non mi riesce proprio!!!
    Hai qualche consiglio??
    grazie 1000

  16. Ciao Alessandra, vado a memoria: le cups dovrebbero essere giuste, se hai seguito le dosi indicate sui siti segnalati sono sicuramente corrette. Credo che ti succeda perché ha cotto troppo poco. Se cuoce troppo diventa colloso e scuro come il caramello. Se cuoce poco si ricristallizza.
    Deve rimanere un composto duro una volta freddo, difficile da tirare via ma plastico. Il colore è quello dell’ambra chiara, più scuro del miele d’acacia e più chiaro del caramello. Prova ancora!! Vedrai che ti riesce, ne sono sicura!! Facci sapere Alessandra. Un abbraccio :)

  17. Salve a tutte!!!
    Ho fatto la cera rispettando le proporzioni date, ma ahimè solo una volta sono riuscita ad usarla..
    Le volte successive riscaldando a bagnomaria la cera rimastami, non ho ottenuto altro che una pallina che non si attaccava a nessun pelo!! scivolava sulla pelle anche se le gambe erano perfettamente asciutte..
    ora l’ho rifatta.. l’ho lasciata raffreddare ed è diventata un blocco marmoreo.. :-( l’altra volta l’avevo iniziata ad usare quando era tiepida..
    help me..
    un abbraccio
    ros

  18. Ciao Ros! Mi spiace per i tentativi andati male!! Ma la cera si usa a freddo. Lo so che sembra strano ma è proprio così. Si lascia raffreddare e si usa senza riscaldare per diversi mesi. Provare per credere! Fammi sapere… Elisa

  19. Ciao Elisa, grazie mille per avermi risposto e soprattutto per averlo fatto così velocemente!!! :-)
    riproverò ancora sperando non mi diventi marmorea come al solito quando la lascio riposare..
    un bacio, a presto

  20. Perfetta, L’ho provata anke io che sono un uomo maniaco della depilazione, eccezionale, ho risolto un sacco di problemi…uauuuu

  21. Ciao Elisa, innanzi tutto complimenti per il sito. Ho solo un dubbio riguardo alla ceretta, spero tu possa aiutarmi a scioglierlo. Usando lo zucchero di canna al posto di quello bianco, la colorazione finale è, ovviamente, diversa, in questo caso cosa si fa, si considerano solo i canonici dieci minuti dopo il bollore per togliere il composto dal fuoco, o c’è una colorazione da “rispettare” anche in questo caso? Grazie in anticipo per la risposta.

  22. salve, ho fatto la cera ma e’ diventata un blocco durissimo…quali possono essere le cause? e’ possibile che l’ho fatta cuocere troppo?

  23. Ciao Elisa, volevo provare anche io…ho preparato il tutto e non usandola subito l’ho lasciata una settimana in un luogo asciutto, quando vado a riprenderla è diventata dura e compatta, ho provato a scaldarne un pò ma mentre faccio la prima pallina il resto si indurisce immediatamente e quindi diventa inutilizzabile.Dove sbaglio? La devo tenere a bagno maria mentre la uso per evitare che si indurisca?
    Grazie e a presto

  24. Ciao Runa, grazie! Nel caso dello zucchero di canna puoi provare la consistenza usando un cucchiaio e un piattino inclinato. La cosistenza è giusta quando si è addensato e lo puoi verificare lasciando cadere una goccia di zucchero questo tende a formare una breve striscia e al fondo una pallina, invece di scivolare fino al fondo del piattino. Più difficile a dirsi che a farsi! A presto!!

  25. Ciao Runbo2! Se scaldandola a bagno maria torna plastica puoi usarla così. Se diventa dura è possibile che abbia cotto troppo o a una temperatura troppo elevata. Occhio al colore, se usi lo zucchero bianco e alla consistenza: prova con cucchiaio e piattino inclinato che si sia addensata ma non troppo. A presto!

  26. Ciao, complimenti per queste eco- info.. ma questo tipo di cera si può usare anche per il viso?per esempio i peletti sotto il mento?

  27. Ciao Giulia, grazie! in linea di massima non ci sono controindicazioni, ci vuole solo un po’ di manualità nell’uso per evitare di stressare la pelle delicata del viso, ma basta farsi “le ossa” con le gambe…in questo modo ti puoi anche rendere conto se ti può essere congeniale per il viso. Tieni anche conto che è un sistema più indolore di altri e che è particolarmente indicato per l’inguine. A presto!

  28. Ciao Elisa!
    una curiosità, la durata dell’effetto poi è simile alla ceretta? (3-4 settimane?)
    inoltre è indicata anche per tutto il corpo? (non so ad esempio braccia-ascelle)
    in ogni caso l’argomento è spiegato molto bene, complimenti per il sito :)
    grazie mille!

  29. Ciao Cris,
    grazie a te! Se ben fatta, quindi se si riesce ad estrarre il pelo interamente, ovvero se non si spezza durante lo strappo, la durata dovrebbe essere determinata dal ritmo di ricrescita soggettivo. Non avendo ritardanti o altre sostanze simili potrebbe durare leggermente meno di altre cerette cui si è abituati. Io non ho notato differenze particolari, quindi credo di poter dire che la durata sia la stessa. D’altro canto è un sistema molto efficace e poco doloroso, molto meno rispetto alle cerette tradizionali, quindi è indicato per le zone sensibili e per tutto il corpo. Bisogna farci un po’ la mano sperimentando sulle gambe che sono leggermente meno delicate di norma. Ma si impara molto facilmente. A presto!

  30. Ciao elisa! Una domanda: ma se la cera diventa dura nei contenitori come la scaldo? a microonde?

  31. Grazie mille della risposta, gentilissima :)
    allora mi cimenterò presto nell’impresa!
    un bacio

  32. Ciao Wendy! Non ho mai provato, ma intendi bustine di succo di limone liquido? Se sono da 60 grammi circa 1, prova a dosare comunque con un cucchiaio. Un abbraccio! :-)

  33. Ciao!ho provato oggi a farla x la prima volta: disastrooooooo!!!praticamente ho creato una mattonella di caramello inutilizzabile.Penso di averlo cotto troppo.Mi chiedevo se posso utilizzarla quando e’ ancora tiepida e bagnarmi le mani con acqua x non farla appiccicare.Se invece preparo le palline e poi le conservo come ho letto nei commenti precedenti sicuramente sarà dura poi da utilizzare.Tu come fai?Scusa ma sono troppo affascinata da questa tecnica.Sono estetista ma in zona da me la cosa e’ poco conosciuta,anzi quasi x niente,quindi non so a chi rivolgermi e approfitto di te! ;) grazie!

  34. Ecco ci sono riuscita!o meglio ho fatto la pallina ma…..non si attacca!!!aiutooo!!!

  35. a me viene troppo trasparente, come il vetro!! cosa avrò sbagliato?? se la scaldo un po e provo ad usarla resta appiccicata alle gambe e per di più quando strappo i peli non vengono via…mentre se la lascio raffreddare diventa dura come il vetro!! cosa sbaglierò??? uffiii!!!
    graziieeee!!!

    Anna

  36. Ciao :) volevo chiedere un’informazione, dopo aver creato questa pallina, come la devo usare? La devo passare su e giuà per la gamba?

  37. Ciao :) volevo chiederti, dopo aver formato questa pallina la devo passare su in giuù per la gamba, o come? Comunque ho provato ma è tutto appiccicoso e duro, e non mi tira via un pelo, in più l’altra cera che ho preparato è diventata dura come un mattone, cosa dovrei fare?

  38. Ciao Elisa,
    ho provato questo metodo ma una volta messo il composto nel contenitore basso a raffreddare è diventato durissimo e inlavorabile.. Ho pensato allora di scaldarlo a bagnomaria, ho creato la mia pallina ma non sono riuscita a stenderla e per cui a farla aderire alla pelle, anche pressandola non ha staccato nessun pelo..
    Dove posso aver sbagliato?? Cotto troppo poco??
    Grazie in anticipo :-)

  39. Ciao io ho provato a fare l ho lasciata ua giornata intera..l ho preparata stamattina e stasera stavo provando a farla..l ho messa in u vassoio basso e ampio e prima di prenderla ho bagnato le mani con alcool e poi sciacquato con acqua e ho iiziato a staccare..al centro si è tutta incollata ed è dura da staccare mentre ai bordi l ho tolta..poi ho iniziato a lavorarla con le mani fino a quando è diventata morbida e l ho applicata al senso contrario del pelo della gamba e tirato al senso di crescita..ma i peli andati via erano pochissimi..inoltre dopo qualche min ha iniziato a diventare appiccicosa e l ho dovuta basare per staccarla dalle dita…l ho rimessa sulla gamba ma n tirava..era tutta appiccicosa..dove ho sbagliato? :( ho seguito le tue regole..prima cotta a fuoco medio girando sempre..poi fiamma lenta per qualche min..poi lasciata rafferdda nel pentolino per 2 3 min e poi versata lì…l unica cosa k n sembra avere u colore ambrato anzi..è molto chiaro..quasi cristallino..sai dormi dove ho sbagliato..mi serve tantissimo questo metodo..l estetista costa troppo! ahah..:) grazie mille

  40. Ciao Elisa! avrei una domanda:) partendo dal presupposto che questa tua ricetta mi ha STRACONVINTA:) io entro periodicamente in crisi al solo pensare di dover affrontare la terribile ceretta all’inguine!! ecco detto ciò ho cominciato a cercare, a provare a vedere un po’ su internet se esistesse qlc metodo per salvarmi la vita:))ebbene capitando sul tuo sito mi sono detta ‘FINALMENTE CE L’HO FATTA!!! e giù a guardare video pratici su youtube…e allora premetto che ancora non l’ho fatta ma credo che con un po’ di pratica uno possa riuscire a identificare il giusto dosaggio tempo di cottura ecc. ma il dubbio atroce è 1…..COME SI STRAPPAAAAAA????? la tua versione è senza striscie…eh si ok ma allora come???nel senso kn le mani il panno..insomma qst ultimo passaggio finale è qll che maggiormente mi preoccupa! ho visto sempre su youtube alcune varianti kn le strisce…ma k senso ha?? il bello sta esattamente in quel ‘senza strisce’ ke tu hai scritto la sopra!!! io solo all’idea di una striscia tremo:D ;) ok, mi sn dilungata! grazie davvero x qst ‘illuminante fonte di salvezza’ e grazie anticipatamente x il consiglio chiarificatore… un abbraccio
    Irene:)

  41. Ciao ho provato la ricetta ed è stato molto semplice il composto credo vada bene, il mio unico problema è nello stenderla si appiccica e non viene più via, sicuramente sbaglio qualcosa, anche se i peli vengono strappati ugualmente. qualche consiglio????????????grazieeeeee

  42. ciao elisa,
    è da mesi che provo a fare questo tipo di cera… oggi ho trovato questo sito… ho preparato la ceretta… prima di metterla nel barattolo di plastica ho provato a mettere un pò del composto ottenuto in un piattino e mi sembrava che andasse bene…una volta che l’ho messo nel barattolo ( una frazione di secondo dopo) mi è sembrata scura… speriamo che l’esperimento sia riuscito… solitamente mi diventa dura e devo scioglierla nel microonde e poi non si appiccica bene e non stacca bene i peli…
    potresti mettere una foto del composto appena all’interno del barattolo ?
    ciao e grazie

  43. Ho provato… E’ uscita una cosa di marmo che ho dovuto rompere con un martelletto. Ho provato a lavorare con le mani i pezzi rotti ma niente di niente… :(

  44. Ciao Elisa :) tu credi che io, avendo 15 anni, possa farmi questa ceretta? Voglio anche sapere se il dolore sentito su gambe e braccia sia lo stesso a quello del pube, cioè intendo dire se è più doloroso :) Sai ho delle strane discussioni col mio ragazzo su questa cosa xD

  45. Ciao Elisa! Ho provato piu volte a fare questa ceretta, ma non mi viene. Risulta sempre troppo solida. Non è che quando verso la cera nel contenitore devo lavorarla? Grazie mille! :D

  46. Ciao! Ho quasi 16 e ho provato questa ceretta..
    A me funziona anche se non ho rispettato i tempi di raffredamneto, cioè non ho fatto passare un giorno ma 5 min e visto che era ancora modellabile ho iniziato.
    E’ davvero molto comoda! :D Grazie tante !

Leave a Reply