Rimedi naturali per punti neri

rimedi naturali per punti neri
DOMANDA:
Salve, in giro ho letto che con scrub, e detergenza quotidiana i punti neri sul viso possono ridursi. Io ho risolto il problema dei brufoli ma non quello dei punti neri. E’ davvero possibile eliminarli definitivamente con la cosmesi naturale? Se sì, in che modo?
Rosa

RISPOSTA:

Buongiorno Rosa,

 

I punti neri, ovvero i comedoni, sono dilatazioni follicolari ostruite da lamine cornee in cui vanno a depositarsi diverse sostanze tra cui grassi e flora batterica anaerobica.

I comedoni sono considerati una forma di acne vulgaris che è causata da un grande quantità di fattori tra cui un’eccessiva produzione di sebo, da un’eccessiva desquamazione dell’epitelio follicolare, da infiammazione e da presenza di batteri.

Uno dei rimedi esterni più comuni per i comedoni è il tea tree oil, l’olio di Melaleuca. La semplice applicazione locale di piccole quantità di olio attraverso un cotton fioc o una garza sterile dopo una buona detersione può dare ottimi risultati.

Un altro ottimo alleato può essere costituito dai Sali di Schüssler. Tra i sali che possono aiutare, sia in crema per uso locale, sia in compresse per via orale:
– n.9 Natrium phosphoricum come trattamento di base
– n.3 Ferrum phosphoricum in caso di infiammazione del comedone

Anche i Fiori di Bach possono essere di aiuto. Ad esempio Crab Apple, il fiore che aiuta in tutti i casi in cui si senta necessità di purificazione e depurazione profonda. Anche in questo caso il fiore può essere usato per via esterna, ad esempio aggiunto ai normali prodotti per la detersione che già usa, e per via interna.

Ricordo che questi rimedi possono essere usati insieme e unitamente ad altri trattamenti, sempre previa consulto medico.

È anche possibile realizzare una crema miscelando in vasetto sterile 1 parte di n.9 Natrium phosphoricum crema, 1 parte di n.3 Ferrum phosphoricum crema, qualche goccia di tea tree oil e 4 gocce di Crab Apple. Miscelare bene il tutto con un cucchiaino sterilizzato in acqua bollente e applicare sulle zone da trattare usando una garza sterile. Il composto si conserva, ben chiuso, per qualche giorno in frigorifero.

Infine, ma non ultimo, l’alimentazione è un fattore determinante per il trattamento dell’acne. Numerosi studi hanno dimostrato come la riduzione di zuccheri e proteine animali, in un regime dietetico bilanciato sotto il controllo di un nutrizionista, abbiano consentito di ottenere ottimi risultati.

Un saluto cordiale

Elisa Cerruti

Olio Di Iperico Fai Da Te

L’olio o oleolito di iperico è noto per le sue proprietà cicatrizzanti e curative. Si usa in presenza di scottature, infiammazioni, punture d’insetto. E’ particolarmente indicato come doposole, come detergente e come rigenerante della pelle in generale. Ha anche un effetto anti età.

Si prepara facilmente.

Ingredienti

  • un contenitore a bocca larga in vetro da 1 litro con tappo ermetico
  • 50 grammi circa di sommità fiorite di iperico secche
  • 1/2 litro di olio extra vergine di oliva o olio di mandorle dolci

Come si prepara

Disporre i fiori secchi di iperico nel vaso, coprire con l’olio e chiudere. Disporre il vaso al sole, mantenere in ambiente caldo nelle stagioni fredde, avendo cura che non sia a diretto contatto con fonti di calore. Rigirare bene il barattolo una volta al giorno. Passati 30 giorni filtrare strizzando bene con un colino e una tela, due o tre garze sovrapposte andranno bene.

Conservare in un barattolo di vetro blu oppure scuro in luogo fresco, asciutto e al buio.

 

Photo credits: St John’s Wort (Hypericum) cold-macerated oil by Flamedance

Olio Di Calendula Fai Da Te

L’olio o oleolito di calendula è ottimo per le pelli molto sensibili, irritate e tendenti alle infiammazioni. E’ particolarmente indicato per la detersione del sederino dei bimbi e per il massaggio. Anche per i grandi è un toccasana: per la detersione della pelle del viso e per tutte le volte che si richiede un’azione “addolcente”.
Prepararlo è facilissimo, basta solo un po’ di pazienza.

Ingredienti

  • un vaso di vetro a bocca larga adatto a contenere almeno 1 litro di liquido e con coperchio ermetico
  • 100 grammi di fiori di calendula secchi
  • 1/2 litro di olio extravergine di oliva oppure di olio di mandorle dolci

Come si prepara

Disporre i fiori secchi di calendula nel vaso, coprire con l’olio e chiudere. Disporre il vaso al sole, mantenere in ambiente caldo nelle stagioni fredde, avendo cura che non sia a diretto contatto con fonti di calore. Rigirare bene il barattolo una volta al giorno. Passati 30 giorni filtrare strizzando bene con un colino e una tela, due o tre garze sovrapposte andranno bene.

Conservare in un barattolo di vetro blu oppure scuro in luogo fresco, asciutto e al buio.

Photo credits: Infusion by Nomadic Lass

Olio Post Ceretta Fai Da Te

E dopo la saga dello scrub e della ceretta fai da te biologica ed ecologica non poteva mancare l’olio da usare dopo la famigerata tortura.

Ho scelto oli che hanno potere lenitivo, calmante e restitutivo. Li potete trovare nelle migliori bio-botteghe oppure on line. L’importante è che siano di provenienza biologica e che siano ottenuti con procedimenti naturali, meglio se da spremitura a freddo.

Ingredienti:

– 5 cucchiai di olio base: potete scegliere tra l’olio di semi di girasole, olio di mandorle dolci, olio di jojoba, olio di argan. Hanno tutti proprietà elasticizzanti e nutrienti, ciascuno poi con piccole differenze rispetto agli altri. Potete anche usarli insieme, un cucchiaio di ciascuno.

– 1 cucchiaio di olio di fiori di calendula. Si ottiene per macerazione. E’ lenitivo e ristrutturante. E’ ottimo per pelli secche, irritate, sensibili e in caso di couperose.

– 1 cucchiaio di olio di iperico. Ha proprietà astringenti e disinfettanti, lenitive, addolcenti, restitutive. E’ usato in caso di scottature, contusioni, reumatismi, gotta, pelle screpolata, tagli da freddo . Quello buono è di un rosso intenso trasparente, tinta che deriva  dal fiore.

– un olio essenziale profumato. Vi consiglio l’olio di lavanda che ha proprietà calmanti, disinfettanti ed è particolarmente intenso. Oppure quello di menta, che contenendo mentolo ha proprietà disinfettanti, antibatteriche e rinfrescanti.

Prendete un vecchio boccettino di vetro e miscelate il tutto. Come tutti gli olii e i grassi va tenuto al buio in luogo fresco e asciutto per evitare che irrancidisca. Si conserva normalmente per 2-3 mesi. Nei periodi caldi o se preferite potete tenerlo in frigo: aumenterà così la sua capacità rinfrescante e lenitiva.

E’ così buono che potete anche decidere di usarlo dopo il bagno o la doccia, soprattutto se soffrite di pelle secca. Potete usarlo sulle mani se le avete particolarmente provate dal freddo, dall’acqua e dall’uso di detergenti (ma come non avete ancora provato i detersivi fai da te?! 🙂 ).

E’ ottimo anche come olio dopo sole da usare dopo una doccia rinfrescante.

Photo credits: Bottle of Oil di Taras Kalapun